Un pò di storia legislativa per capire il nuovo orientamento normativo sul pignoramento su conti correnti di stipendi e pensioni

Negli anni passati, si è discusso parecchio sulla procedura di pignoramento del conto corrente messa in atto dai creditori (banche, finanziarie, privati, Equitalia ed altre concessionarie locali della riscossione) finalizzata ad eludere i limiti imposti dalle norme vigenti sul pignoramento di stipendi e pensioni.

Nel merito, anche la giurisprudenza di legittimità si era uniformemente allineata a questo tipo di aggressione "border line", stabilendo che, una volta confluite nel conto corrente, le somme percepite a titolo di retribuzione da lavoro dipendente o da pensione risultano completamente “riciclate”, perdendo qualsiasi relazione con la propria origine e trasformandosi in denaro fungibile.

Per tutte citiamo il principio giuridico enunciato nella sentenza della Corte di cassazione numero 17178/12, la quale aveva chiarito che qualora le somme dovute siano già affluite sul conto corrente o sul deposito bancario del debitore esecutato, non si applicassero le limitazioni al pignoramento previste dall'articolo 545 cod. proc. civ.

Praticamente, al povero debitore dipendente o pensionato, costretto dalla legge a dover necessariamente canalizzare sul conto corrente la retribuzione mensile, l'unica via di uscita restava quella di prelevare il denaro “fungibile” ancora caldo di bonifico e depositarlo, prima che si raffreddasse, su un conto corrente intestato ad altri soggetti (possibilmente, non debitori in via di esecuzione coattiva).

In questo modo riuscivano, forse, a sottrarsi all'azione esecutiva del creditore scaltro (e scorretto) che aveva deciso di procedere al pignoramento del conto corrente invece di “accontentarsi” del quinto mensile dello stipendio.

A rimuovere parzialmente questa iniquità era intervenuto successivamente, e limitatamente ai crediti di natura esattoriale (quelli per i quali procede Equitalia o le altre concessionarie per la riscossione dei tributi locali), il decreto legge 69/13, in base al quale era stato imposto che gli obblighi della banca (terzo pignorato) non potevano ricomprendere, nel pignoramento, l'ultimo emolumento affluito sul conto corrente, che restava, pertanto, nella piena disponibilità del correntista debitore, sia esso lavoratore dipendente o pensionato.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su un pò di storia legislativa per capire il nuovo orientamento normativo sul pignoramento su conti correnti di stipendi e pensioni.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • beppe666 14 luglio 2015 at 08:01

    Buon giorno
    Mi sono state notificate due ar (raccomandate) da equitalia della somma dovuta di 10 mila euro con cui mi si sollecita di pagare entro 60 giorni altrimenti il forzato recupero da parte di Equitalia. Ora non posso chiedere la rateizzazzione perchè non ce la faccio comunque a pagare. Cosa dovrò aspettarmi visto che non ho un cc intestato a me ne a mia moglie, ho una macchina di 11 anni, mia moglie ha un lavoro part-time a tempo indeterminato con uno stipendio di circa 500 euro. Io ho un lavoro a tempo pieno a tempo determinato (scadenza contratto fine settempre 2015) stipendio di circa 1600 uro,viviamo in casa in affitto mobili da mercatoneuno, tra breve riceverò il tfr per la fine del contratto di lavoro possono toccare anche questo?

    • Ornella De Bellis 14 luglio 2015 at 09:30

      Le azioni esecutive che Equitalia può realisticamente implementare nei suoi confronti sono il fermo amministrativo sul veicolo di proprietà nonché il pignoramento presso il datore di lavoro del 20% del TFR, visto che appare improbabile, attesa la imminente scadenza del contratto di lavoro a tempo determinato, che riesca a pignorare il 10% della retribuzione mensile dopo lo scadere dei 60 giorni.