Pignoramento pensione » Aggredibile solo un quinto della quota che va ad eccedere il minimo vitale

Può essere disposto il pignoramento solo nella misura di un quinto della quota di pensione netta mensile che va ad eccedere il minimo vitale.

Infatti, è assolutamente impignorabile, con le eccezioni previste dalla legge per i crediti qualificati, la parte della pensione, assegno o indennità necessaria per assicurare al pensionato mezzi adeguati alle esigenze di vita.

Inoltre, è pignorabile nei soli limiti del quinto la residua parte, dovendo anche ritenersi che l'indagine circa la sussistenza o l'entità della parte di pensione necessaria per assicurare al pensionato mezzi adeguati alle sue esigenze di vita, e come tale legittimamente assoggettabile al regime di assoluta impignorabilità - con le sole eccezioni, tassativamente indicate, di crediti qualificati è rimessa, in difetto di interventi del legislatore al riguardo, alla valutazione in fatto del giudice dell'esecuzione ed è incensurabile in cassazione se logicamente e congruamente motivata.

Questa la massima della sentenza 18755/13 della Corte di Cassazione

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento pensione » aggredibile solo un quinto della quota che va ad eccedere il minimo vitale.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • giuseppehp 20 dicembre 2013 at 16:52

    esiste una speranza che aumentino l'assegno sociale ? dopo quanto tempo vanno in prescrizione multa o bollettini non pagati ? a quanti anni si percepisce la pensione per casalinghe

    • Ludmilla Karadzic 20 dicembre 2013 at 18:01

      L'assegno sociale (non la pensione) è una prestazione di carattere assistenziale che prescinde dal versamento dei contributi e spetta a chiunque abbia compiuto 65 anni e tre mesi di età (quindi anche alle casalinghe), sia sprovvisto di reddito, oppure versi nelle condizioni disagiate previste dalla legge.

      Molto difficile che gli importi erogati attualmente per l'assegno sociale vengano ritoccati al rialzo, in ragione delle disastrose condizioni finanziarie dello Stato.

      Per quanto riguarda la prescrizione di multe, cartelle esattoriali, bollettini di utenze domestiche e quant'altro, la invito a visitare l'apposita sezione linkata.