Pignoramento mobiliare presso il debitore

La forma

Il pignoramento è atto dell'ufficiale giudiziario territorialmente competente che, nell'espropriazione mobiliare diretta, è eseguito su istanza orale del creditore procedente, anche personalmente, previa esibizione, da parte di quest'ultimo, del titolo esecutivo e del precetto debitamente notificati.

Ricordiamo che anche il titolo esecutivo costituito da una sentenza, adesso deve essere notificato alla parte personalmente a norma degli articoli 137 e seguenti codice di procedura civile (articolo 479, 2° co., codice di procedura civile).

Il pignoramento sui mobili del debitore, pur essendo atto di esecuzione, non implica attività di giudizio e, pertanto, non presuppone uno ius postulandi: si tratta di un atto mediante il quale singoli beni del debitore restano vincolati all'esecuzione a seguito della loro individuazione da parte dell'ufficiale giudiziario e senza intervento del giudice. In questa funzione prodromica dell'esproprio, il pignoramento non assume il carattere di un'istanza rivolta al giudice né si inserisce in un procedimento giudiziale ancora in fieri: ciò comporta la dispensa di qualsiasi patrocinio legale.

Il presidente del tribunale competente per l'esecuzione può concedere al creditore l'autorizzazione a depositare in luogo dell'originale una copia autentica del titolo esecutivo con l'obbligo di depositare l'originale a ogni richiesta del giudice, analogamente a quanto previsto dall'articolo 488, 2° co., codice di procedura civile (articolo 492, ult. co., codice di procedura civile).

L'ufficiale giudiziario deve documentare le operazioni effettuate nel corso del pignoramento in un apposito processo verbale redatto in base al combinato disposto degli articoli 492 e 518 codice di procedura civile come modificati dalle recenti riforme.

In particolare, dal processo verbale devono risultare:

  1. l'individuazione e la descrizione delle cose pignorate, nonché il loro stato mediante rappresentazione fotografica ovvero altro mezzo di ripresa audiovisiva (articolo 518, 1° co. codice di procedura civile);
  2. l'indicazione del loro valore di realizzo determinato approssimativamente dall'ufficiale giudiziario. All'occorrenza, se ritenuto utile o su richiesta del creditore, l'ufficiale giudiziario, nel corso delle operazioni di stima, può essere assistito da un esperto stimatore da lui stesso scelto (articolo518, 1° co., codice di procedura civile). Sarà il giudice dell'esecuzione a liquidare il compenso e le spese spettanti all'esperto, tenuto conto dei valori di effettiva vendita o assegnazione dei beni o, in qualunque altro caso, sulla base dei valori stimati (articolo 518, 3° co. codice di procedura civile). All'ufficiale giudiziario è data la discrezionalità di valutare se è opportuno differire le operazioni di stima: in caso affermativo, egli dovrà redigere un primo verbale di pignoramento e, senza indugio nel termine perentorio di trenta giorni, dovrà procedere alla definitiva individuazione dei beni da sottoporre al vincolo pignoratizio sulla base dei valori di stima indicati dall'esperto che, nel frattempo, sarà autorizzato ad accedere nel luogo in cui si trovano i beni indicati dall'ufficiale (articolo 518, 2° co., codice di procedura civile);
  3. la descrizione della natura, qualità e ubicazione dei beni pignorati nel caso in cui si tratti di frutti non ancora raccolti o separati dal suolo (o di bachi da seta) (articolo 518, 1° co., codice di procedura civile);
  4. le disposizioni relative alla conservazione (e alla custodia) delle cose stesse (articolo 518, 4° co., codice di procedura civile);
  5. l'ingiunzione di cui all'articolo 492 codice di procedura civile (articolo 518, 1° co., codice di procedura civile), rivolta al debitore di astenersi da qualunque atto diretto a sottrarre alla garanzia del credito, esattamente indicato, i beni che si assoggettano a pignoramento, anch'essi esattamente individuati e i frutti di essi. Se questi non è presente, l'ufficiale rivolgerà l'ingiunzione alle persone indicate nell'articolo 139, 2° co., codice di procedura civile, cioè alle persone di famiglia o addette alla casa, all'ufficio o all'azienda, purché non minori di quattordici anni o palesemente incapaci, e consegnerà loro un avviso dell'ingiunzione stessa per il debitore. In mancanza di dette persone, l'avviso sarà affisso alla porta dell'immobile in cui l'ufficiale ha eseguito il pignoramento dei beni (articolo 518, 5° co.,codice di procedura civile);
  6. l'invito rivolto al debitore ad effettuare, presso la cancelleria del giudice dell'esecuzione, la dichiarazione di residenza o l'elezione di domicilio in uno dei comuni del circondario in cui ha sede il giudice competente, con l'avvertimento che, in mancanza, ovvero in caso di irreperibilità presso la residenza dichiarata o il domicilio eletto, le successive notifiche o comunicazioni a lui dirette saranno effettuate presso la cancelleria dello stesso giudice (articolo 492, 2° co., codice di procedura civile), evitando così l'applicazione degli articoli 138 e seguenti codice di procedura civile E' da ritenere che l'onere in capo al debitore di effettuare la dichiarazione di residenza o l'elezione di domicilio in uno dei comuni indicati dal secondo comma dell'articolo 492 codice di procedura civile, sorge soltanto in seguito alla formulazione dell'invito in tal senso da parte dell'ufficiale giudiziario, il quale lo potrà rivolgere anche successivamente all'atto di pignoramento. A sua volta il debitore può dichiarare la residenza o eleggere il domicilio anche nel corso dell'espropriazione, personalmente, senza difesa tecnica e senza bisogno di rispettare particolari formalità (quindi anche per posta). Sicuramente, però, dovrà assolvere il proprio onere per iscritto.
  7. l'avvertimento rivolto al debitore esecutato che egli ha la possibilità di presentare istanza di conversione del pignoramento secondo le modalità descritte dall'articolo 495 codice di procedura civile, 1° co., codice di procedura civile (articolo 492, 3° co., codice di procedura civile): l'ufficiale giudiziario, al momento del pignoramento, deve avvertire il debitore che egli ha la possibilità di chiedere di sostituire alle cose pignorate una somma di denaro pari all'importo dovuto al creditore pignorante e ai creditori intervenuti, comprensivo del capitale, degli interessi e delle spese, oltre che delle spese di esecuzione. Il debitore deve inoltre essere avvisato che la relativa istanza deve essere depositata, a pena di inammissibilità, in cancelleria prima che sia disposta la vendita o l'assegnazione a norma dell'articolo 530 codice di procedura civile, unitamente ad una somma di denaro non inferiore a un quinto dell'importo per cui è stato eseguito il pignoramento e dei crediti dei creditori intervenuti, dedotti i versamenti effettuati di cui deve essere data prova documentale.

E' opinione che la mancanza di uno dei tre requisiti del verbale di pignoramento (ingiunzione, invito elezione residenza o domicilio, avvertimento possibilità di conversione) importa la nullità dell'atto che, a pena di sanatoria, deve essere fatta valere dal debitore con il rimedio dell'opposizione agli atti esecutivi ex articolo 617 c.p.c entro venti giorni dalla conoscenza legale dell'atto stesso.

Il legislatore ha previsto situazioni particolari che possono presentarsi nel corso delle operazioni di pignoramento, conferendo, in tali circostanze, nuovi poteri all'ufficiale giudiziario. In particolare, sono previste situazioni in cui egli può agire di propria iniziativa e situazioni in cui può agire solo su istanza del creditore.

Nel caso in cui i beni pignorati gli sembrino insufficienti a realizzare la soddisfazione del credito per cui si procede, ovvero per essi appare manifesta la lunga durata della liquidazione, l'ufficiale giudiziario potrà, di propria iniziativa, invitare il debitore a indicare l'eventuale esistenza di ulteriori beni utilmente espropriabili e il luogo in cui essi si trovano, ovvero le generalità dei terzi debitori, avvertendolo che, in caso di omessa o falsa dichiarazione, incorrerà nella sanzione di cui al quinto comma dell'articolo 388 c.p. (articolo 492, 4° co., codice di procedura civile).

Al fine di responsabilizzare il debitore, il legislatore ha aggiunto un sesto comma all'articolo 388 c.p. ("Mancata esecuzione dolosa dell'ordine di un giudice") estendendo la sanzione penale prevista dal quinto comma dello stesso articolo, cioè la reclusione fino a un anno o la multa sino a 516,00 Euro, anche "al debitore o all'amministratore, direttore generale o liquidatore della società debitrice che, invitato dall'ufficiale giudiziario a indicare le cose o i crediti pignorabili, omette di rispondere nel termine di quindici giorni o effettua una falsa dichiarazione".

Il fatto che sia prevista una sanzione penale fa ritenere che l'invito di cui sopra debba essere rivolto dall'ufficiale giudiziario al debitore personalmente.

La dichiarazione del debitore, non giurata, è inserita nel processo verbale e sottoscritta dal debitore stesso e, una volta resa, vincola i beni indicati agli effetti del pignoramento e agli effetti della responsabilità penale di cui all'articolo 388 c.p.

Nello specifico, se il debitore indica come espropriabili beni mobili situati nella medesima circoscrizione dell'ufficiale giudiziario incaricato, egli deve, d'ufficio e subito, sottoporre gli stessi a vincolo pignoratizio.

In caso si tratti di beni mobili situati in altra circoscrizione, copia del processo verbale viene trasmessa all'ufficiale giudiziario territorialmente competente e i beni indicati saranno oggetto di un autonomo procedimento esecutivo. Nel caso si tratti di mobili registrati, perché il pignoramento sia opponibile ai terzi, occorrerà integrare la dichiarazione del debitore con le idonee formalità di trascrizione.

Se il debitore indica come beni pignorabili crediti o cose mobili in possesso di terzi, il pignoramento si considera perfezionato nei suoi confronti dal momento della dichiarazione stessa: il debitore esecutato, da questo momento, è considerato custode della somma o della cosa anche agli effetti dell'articolo 388, 4° co., codice di procedura civile qualora il terzo effettui il pagamento o restituisca la cosa prima che gli venga notificato l'atto di cui all'articolo 543 codice di procedura civile

Se oggetto della dichiarazione sono beni immobili, il creditore procederà con le forme del pignoramento immobiliare ex articoli 555 e seguenti codice di procedura civile (articolo 492, 5° co., codice di procedura civile).

Se, durante l'espropriazione in corso, l'intervento di altri creditori rende il compendio pignorato insufficiente, al creditore procedente è concessa la possibilità di attivarsi affinché l'ufficiale giudiziario rivolga al debitore l'invito a indicare l'esistenza di ulteriori beni pignorabili.

In caso di esito positivo, il creditore potrà esercitare la facoltà di cui all'art 499, 4° co., codice di procedura civile (articolo 492, 6° co., codice di procedura civile), ossia indicare ai creditori chirografari intervenuti tempestivamente altri beni su cui estendere il pignoramento, e se questi non lo fanno o non gli anticipano le spese all'uopo necessarie, egli ha diritto di essere loro preferito in sede di distribuzione. Questa possibilità, ante riforma, gli spettava esclusivamente nel caso della piccola espropriazione mobiliare di cui all'abrogato articolo 527 codice di procedura civile

L'ufficiale giudiziario, inoltre, in seguito a istanza del creditore, può rivolgere richiesta di ricerca di beni pignorabili ai soggetti gestori dell'anagrafe tributaria e di altre banche dati pubbliche servendosi, se necessario, dell'assistenza della forza pubblica.

Tale richiesta può riguardare diversi soggetti nei cui confronti procedere a pignoramento; in essa dovranno essere indicate distintamente le generalità complete di ciascuno dei debitori nonché quelle dei creditori istanti (articolo 492, 7° co., codice di procedura civile).

La richiesta in tal senso da parte del creditore procedente può essere inoltrata solo quando, in alternativa, l'ufficiale giudiziario o non ha individuato beni utilmente pignorabili oppure le cose pignorate o indicate dal debitore appaiono insufficienti a soddisfare il creditore procedente e i creditori intervenuti.

L'ufficiale giudiziario, che in questo caso non può agire d'ufficio, si limiterà a raccogliere le informazioni per cui è stato autorizzato e a trasmettere i risultati delle relative verifiche al creditore richiedente il quale deciderà se e come utilizzarli.

Sempre in caso di pignoramento infruttuoso, se il debitore è un imprenditore commerciale, l'ufficiale giudiziario, su istanza del creditore procedente, invita il debitore a indicare il luogo in cui sono tenute le scritture contabili e nomina uno dei notai, avvocati o commercialisti iscritti nell'elenco di cui all'articolo 179 ter disp. att. codice di procedura civile affinché proceda all'esame delle scritture contabili al fine di individuare cose pignorabili. Il professionista nominato:

  • può richiedere informazioni agli uffici finanziari sul luogo di tenuta e sulle modalità di conservazione, anche informatiche o telematiche, delle scritture contabili indicati nelle dichiarazioni fiscali del debitore e vi accede ovunque si trovi, richiedendo, quando occorre, l'assistenza dell'ufficiale giudiziario territorialmente competente;
  • trasmette apposita relazione con i risultati della verifica al creditore istante e all'ufficiale giudiziario che lo ha nominato il quale provvede alla liquidazione del compenso e delle spese (articolo 492, 8° co., codice di procedura civile).

Le spese per le operazioni di verifica, effettuate su istanza del creditore procedente, sono a carico di quest'ultimo ma, nel caso in cui dalla relazione dovessero risultare beni utilmente pignorabili non indicati dal debitore nella propria dichiarazione resa ex articolo 492, 4° e 5° co., codice di procedura civile, le spese dell'accesso alle scritture contabili e della relazione del professionista sono liquidate con provvedimento dell'ufficiale giudiziario che costituisce titolo esecutivo contro il debitore.

L'articolo 21 legge 24 febbraio 2006 numero 52, pubblicata in G. U. il 28 febbraio 2006, stabilisce che "entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge con decreto del Ministro della giustizia sono definiti i compensi spettanti al professionista per l'accesso e l'esame delle scritture contabili ai sensi dell'articolo 492 codice di procedura civile come sostituito dall'articolo 1 della presente legge, nonché ai custodi dei beni pignorati, nominati in sostituzione del debitore".

In ogni caso, l'articolo 518, ult. co., c.p.c prevede la possibilità che il giudice dell'esecuzione possa autorizzare di integrare il pignoramento. Su istanza del creditore procedente, da depositare in cancelleria non oltre il termine fissato per il deposito dell'istanza di vendita, il giudice, eventualmente con l'ausilio di uno stimatore, se ritiene che il presumibile valore di realizzo dei beni pignorati sia inferiore a quello determinato approssimativamente dall'ufficiale giudiziario, ordina l'integrazione del pignoramento con la conseguenza che l'ufficiale giudiziario riprende, senza indugio, le operazioni di ricerca dei beni sulla base dei criteri indicati sopra.

Il processo verbale, insieme al titolo esecutivo e al precetto, entro le ventiquattro ore seguenti al compimento delle operazioni di pignoramento, deve essere depositato in cancelleria dove il cancelliere provvederà alla formazione del fascicolo dell'esecuzione. Su richiesta del creditore o del debitore, l'ufficiale giudiziario trasmette loro copia del verbale delle operazioni di pignoramento a mezzo posta ordinaria, ovvero a mezzo telefax o in via telematica nel rispetto della normativa anche regolamentare relativa alla firma, alla trasmissione e alla ricezione dei documenti informatici e teletrasmessi (articolo 518, 6° co., codice di procedura civile).

Oggetto e ricerca dei beni

Oggetto dell'espropriazione mobiliare diretta sono i beni che la legge definisce mobili, e sui quali il debitore esecutato vanta diritti patrimoniali alienabili autonomamente, come la proprietà o l'usufrutto (escluso l'usufrutto legale dei genitori sui beni dei figli e quello non cedibile). Non sono invece espropriabili i beni relativamente ai quali il debitore sia titolare dei diritti di uso, di abitazione o di servitù, trattandosi tutti di diritti inalienabili.

Il sistema che regola la circolazione dei beni mobili e il loro anonimato rendono molto difficoltosa l'individuazione preventiva del patrimonio mobiliare del debitore, con la conseguenza che, in tale forma di esecuzione, il creditore procedente non ha l'onere di indicare all'ufficiale giudiziario i beni pignorabili, benché sia tenuto a fornirgli le indicazioni relative al luogo in cui effettuare la ricerca.

Infatti, l'elemento spaziale è di importanza fondamentale per l'individuazione delle cose da pignorare, giacché ciò che rileva, ai fini della pignorabilità dei beni, è la loro appartenenza al debitore, situazione che si realizza allorché un bene si trovi collocato in un immobile di cui il debitore ha la disponibilità.

Alcune categorie di beni mobili si sottraggono all'esecuzione mobiliare disciplinata dal codice di rito, per essere soggette a procedure esecutive speciali; così gli autoveicoli (articolo 7, R.decreto legge 15 marzo 1927, numero 436), le navi e gli aerei (artt. 650 e 1061 c. nav.), i brevetti d'invenzione (articolo 87, R. D.
29 giugno 1939, numero 1127) e i modelli industriali (articolo 65, regio decreto 31 ottobre 1941, numero 1354).

Ipotesi particolari di beni aggredibili con l'espropriazione mobiliare diretta:

  • le pertinenze di un immobile, come i macchinari di produzione che si trovano all'interno di uno stabilimento industriale;
  • le azioni di spa in quanto bene mobile è la cartula - titolo di credito. Elemento determinante per la scelta del rito processuale è quello della diretta disponibilità del bene, la quale deve escludersi per le azioni di spa depositate presso la società, in vista dell'assemblea, e, in generale per i beni custoditi da terzi con modalità tali da escludere la diretta disponibilità del bene da parte del titolare.
  • il credito incorporato in titolo cambiario;
  • il libretto di deposito a risparmio al portatore che ha natura di titolo di credito;
  • il libretto di risparmio nominativo pagabile al portatore, anch'esso riconosciuto come un titolo di credito in virtù della sua idoneità alla circolazione.

L'ufficiale giudiziario può effettuare la ricerca dei beni da pignorare nella casa del debitore, nonché in altri luoghi a lui appartenenti; tale ricerca può essere svolta anche sulla persona del debitore (sia che costui si trovi nell'immobile di sua appartenenza, sia che si trovi altrove), purché si osservino le cautele opportune per rispettarne il decoro (articolo 513 codice di procedura civile, 1° co., codice di procedura civile).

L'articolo 513 codice di procedura civile prevede, inoltre, altri due casi particolari nei quali si può procedere con le forme del pignoramento diretto:

  • il primo, che necessita della preventiva autorizzazione del giudice concessa con decreto su istanza del creditore, riguarda beni che non si trovano in luoghi appartenenti al debitore, ma di cui egli può direttamente disporre (ad es., bagagli che si trovino presso un deposito, oppure quadri esposti in una galleria d'arte). Nell'istanza, proposta con ricorso al presidente del tribunale a un giudice da lui delegato, il creditore deve indicare, in maniera precisa, le cose da pignorare, il luogo in cui si trovano e il titolo che legittima la diretta disponibilità di esse da parte del debitore pignorato (articolo 513, 3° co., codice di procedura civile);
  • il secondo caso, che prescinde invece dall'autorizzazione del giudice, riguarda la possibilità che l'ufficiale giudiziario possa pignorare un bene del debitore che non è nella sua diretta disponibilità, bensì nel possesso di un terzo, il quale consenta di esibirlo (articolo 513, 4° co., codice di procedura civile).

La legge, per permettere all'ufficiale giudiziario di ricercare le cose da pignorare, gli consente di introdursi nella casa dell'esecutato o negli altri luoghi che gli appartengono, anche contro la sua volontà o contro quella di terzi, nonché servendosi della forza pubblica; può, inoltre, disporre l'allontanamento di persone che disturbano l'attività di ricerca, e ancora aprire porte, ripostigli o recipienti (articolo 513, 2° co., codice di procedura civile).

Nel corso dell'attività di ricerca e di apprensione dei beni mobili, l'ufficiale giudiziario esercita poteri ampiamente discrezionali, anche se l'articolo 517 codice di procedura civile indica alcune regole generali cui deve attenersi.

Il legislatore ha eliminato l'obbligo dell'ufficiale giudiziario di eseguire il pignoramento preferibilmente sulle cose indicate dal debitore.

Con tale norma si voleva evitare l'espropriazione di oggetti particolarmente cari al debitore in luogo di altri; tuttavia, la volontà del debitore rilevava solo qualora ciò non determinasse un pregiudizio per il creditore, presupposto che doveva essere valutato dallo stesso ufficiale giudiziario. La nuova formulazione dell'articolo517, 1° co., codice di procedura civile, è chiara: la scelta dell'ufficiale giudiziario dovrà cadere sulle cose di più facile e pronta liquidazione, nel limite di un presumibile valore di realizzo pari all'importo del credito precettato aumentato della metà.

Invariato rimane il secondo comma, in base al quale l'ufficiale giudiziario deve comunque preferire, quando ci siano, il denaro contante, gli oggetti preziosi, i titoli di credito e ogni altro bene che garantisca una sicura realizzazione.

L'accesso nei luoghi appartenenti al debitore non può avvenire nei giorni festivi (le domeniche, il 1° gennaio, il 6 gennaio, il 25 aprile, il lunedì dopo Pasqua, il 1° maggio, il 2 giugno, il 15 agosto, il 1° novembre, l'8, il 25 e il 26 dicembre) o nelle ore notturne, così come previsto dall'articolo 147 codice di procedura civile per le notifiche (prima delle ore 7 e dopo le ore 21). Tale divieto ha la funzione di rispettare la sfera umana e sociale del debitore, ma non è stabilito a pena di nullità; il debitore può impedire l'accesso all'ufficiale giudiziario che si presenti nelle ore e nei giorni non consentiti.

Tuttavia il presidente del tribunale o un giudice da lui delegato può concedere un'autorizzazione alla deroga della norma relativa al tempo del pignoramento (articolo 519, 1° co., codice di procedura civile), qualora ciò si riveli opportuno. Si pensi, per esempio, all'ipotesi in cui l'accesso debba essere effettuato in un locale notturno o in altri luoghi in cui sia risultato impossibile reperire qualcuno durante l'orario ordinario: in queste ipotesi è preferibile permettere all'ufficiale giudiziario di effettuare il pignoramento nelle ore solitamente non consentite, piuttosto che procedere subito all'apertura forzata.

Se il pignoramento ha avuto inizio nelle ore prescritte dalla legge, esso può essere proseguito fino al suo compimento (articolo 519, 2° co., codice di procedura civile) L'articolo 165 disp. att. codice di procedura civile è stato ampliato rispetto alla sua vecchia formulazione.

Nel caso in cui il creditore intenda partecipare personalmente alle operazioni di pignoramento, può dichiararlo all'atto di richiesta del pignoramento stesso. In questo caso, l'ufficiale giudiziario è tenuto a comunicare al creditore la data e l'ora dell'accesso, da effettuare entro quindici giorni, con un preavviso di tre giorni, riducibile nei casi d'urgenza.

Il creditore potrà partecipare a sue spese alle operazioni di ricerca e pignoramento di cui agli articoli 513 e 518 codice di procedura civile facendosi assistere da un difensore e/o da un esperto.

L'efficacia del pignoramento è limitata nel tempo: essa è soggetta a un termine acceleratorio di novanta giorni. Se, entro tale termine, non viene compiuto il successivo atto di impulso processuale, cioè l'istanza di vendita o di assegnazione delle cose pignorate, esso diviene inefficace (articolo 497 codice di procedura civile).

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento mobiliare presso il debitore.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.