Buonasera, ho bisogno di essere messo al corrente di alcune cose, la mia situazione è la seguente: sono un agente di commercio con iscrizione camera di commercio di pesaro e nell'iscrizione è inserito l'indirizzo della mia vecchia residenza, io attualmente risiedo in altro luogo, luogo che è anche menzionato sui miei documenti d'identità

  • marni71 24 aprile 2015 at 16:11

    Buonasera, ho bisogno di essere messo al corrente di alcune cose, la mia situazione è la seguente: Sono un agente di commercio con iscrizione camera di commercio di Pesaro e nell'iscrizione è inserito l'indirizzo della mia vecchia residenza, io attualmente risiedo in altro luogo, luogo che è anche menzionato sui miei documenti d'identità.

    Poiché non ho più pagato una finanziaria a causa ovviamente della crisi, questi signori inviano raccomandate o atti di precetto c/o l'indirizzo precedente di residenza, che io puntualmente continuo a non ritirare, ma ripeto quell'indirizzo risulta nell'iscrizione c.c.i.a.a., poiché non mi sono mai preoccupato di cambiare, dato che a quell'indirizzo abita mia mamma.

    Cosa potrebbe accadere? Nel caso in cui ci fosse una richiesta di pignoramento, potrebbero farlo al vecchio mio indirizzo di residenza? Mi conviene consigliare a mia mamma che i beni che sono all'interno della sua abitazione debba fare un contratto di comodato d'uso gratuito a nome di mio fratello con apposizione timbro delle poste con data certa per evitare qualsiasi richiesta non dovuta da parte di qualcuno che cerca il mio nome c/o quell'indirizzo di vecchia residenza?

    • Simone di Saintjust 24 aprile 2015 at 16:40

      La notifica di un atto va sempre effettuata all'indirizzo di residenza anagrafica del destinatario. Proprio alcuni giorni fa la Corte di cassazione si è espressa sulla nullità di un atto notificato nelle mani della madre del destinatario, non più convivente con il figlio.

      Ora l'indirizzo del destinatario può anche essere scolpito sulla pietra, ovunque, ma il creditore prima di procedere giudizialmente nei confronti del debitore deve effettuare una ricerca anagrafica, altrimenti rischia, come nel suo caso, di girare a vuoto.

      Per scongiurare eventuali tentativi di pignoramento dell'ufficiale giudiziario è sufficiente che sua madre si procuri, per esibirlo alla bisogna, uno stato di famiglia.

      Gli altri (operatori di recupero crediti) non possono neanche permettersi di recarsi a casa del debitore senza consenso e neanche possono contattare, telefonicamente o in altro modo, se non vogliono essere perseguiti penalmente, persona diversa dal debitore.

Torna all'articolo

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info