Mancato mantenimento del figlio - regole e limiti del pignoramento dello stipendio

Purtroppo per Lei, per quanto riguarda gli alimenti spettanti al coniuge od ai figli si esula dai normali limiti imposti per il pignoramento di stipendi ed emolumenti.

Tutto è lasciato alla discrezionalità del Giudice, il quale tuttavia potrebbe pignorare anche oltre il quinto dello stipendio, ed anche in presenza di altre trattenute che complessivamente sommate vadano oltre il 50% dello stipendio.

La mancata corresponsione degli alimenti da luogo anche a conseguenze penali, anche se avendo Lei ripreso regolarmente i pagamenti si è messo almeno in parte al riparo da questo rischio - alla fine è solo in ritardo sui regolari versamenti.

Purtroppo Le conviene accondiscendere, per quanto possibile, alle richieste di Sua moglie, e del resto pagare gli alimenti è un obbligo anche morale, specie se ci sono figli.

Piuttosto, se non è in condizione di sostenere ulteriormente l'entità dell'assegno di mantenimento, può chiedere al Tribunale una rettifica della cifra.. anche se a riguardo non nutrirei troppe speranze.

30 ottobre 2012 · Lilla De Angelis

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mancato mantenimento del figlio - regole e limiti del pignoramento dello stipendio.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • phil.mau 11 ottobre 2013 at 17:36

    il mio NON é un commento all'articolo, bensì un quesito.

    Sono 54enne, separato per reciproca colpa al 50%, padre di 12enne e di 20enne (ignoro se lavora,anche se é probabile, se studia o altro) a cui verso 600€/mese detratti -per sentenza- su mia rendita assicurativa INAIL.
    Per problemi penali sono stato sospeso per un biennio dal lavoro, da cui poi mi sono dimesso alla vigilia della sentenza di Cassazione (dato che il proc.to disciplinare, comunque, pur in presenza di prescrizione avrebbe comportato mio licenziamento e conseguenze ultrattive). Oggi non ho alcun reddito, né -ho verificato nel biennio- possibilità di inserimento lavorativo.

    Quesito 1: se ricorro al giudice, con tali premesse, per la modifica dell'importo/obbligo citato ho chances di poterlo ridurre?

    Quesito 2: Nella mia attuale posizione, posso del pari, chiedere assegno alimentare a carico della mia ex-moglie?

    • Simone di Saintjust 12 ottobre 2013 at 05:04

      Nel suo caso ricorrono tutte le condizioni per ottenere dal giudice la riduzione dell'assegno di mantenimento.

      Per quanto riguarda, invece, l'attribuzione di un assegno alimentare a carico del coniuge separato, molto dipende dalle condizioni economiche di quest'ultimo.