Il creditore può sempre iscrivere ipoteca di grado successivo al primo sul bene di proprietà del debitore

E' sempre possibile per un creditore iscrivere ipoteca di grado successivo al primo sul bene di proprietà del debitore: un creditore che abbia iscritto ipoteca di grado superiore sul bene del debitore insolvente può chiederne il pignoramento e l'espropriazione, ma Va da se che si tratta di un'operazione rischiosa.

Infatti, per valutare il vantaggio per il creditore procedente, derivante da una simile operazione, deve essere considerato non solo il valore commerciale del bene, ma quello ricavabile da una vendita all'asta, nonché il credito effettivo vantato dai creditori di ipoteca inferiore. Solo ce c'è un margine di capienza sufficiente può esserci interesse ad attivare le azioni esecutive.

Per quanto attiene il pignoramento dello stipendio eventuali incidenze del prestito delega non vengono prese in considerazione, a differenza di quanto avviene invece per la cessione del quinto.

In ogni caso, la somma delle quote pignorate e quelle cedute non può superare la metà dello stipendio netto percepito dal creditore.

Per la contemporaneità dei pignoramenti bisogna tener conto della natura dei crediti che, sotto questo aspetto, possono essere sinteticamente distinti in ordinari e speciali.

Se vuole approfondire la questione, può accedere alla sezione specifica sul pignoramento di stipendi e pensioni.

Spero di non averle turbato il sonno. Ma ambasciator non porta pena.

22 ottobre 2012 · Genny Manfredi

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il creditore può sempre iscrivere ipoteca di grado successivo al primo sul bene di proprietà del debitore.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.