Pignoramento immobiliare all'estero

La possibilità di un recupero transfrontaliero esiste, ma visto l'importo in gioco, relativamente modesto (alla fine due anni di rate sono stati pagate), è improbabile che la finanziaria si attivi per un pignoramento immobiliare.

Per dormire sonni più tranquilli, comunque, Vi conviene pensare ad un trasferimento di proprietà dell'immobile.

27 novembre 2012 · Simone di Saintjust

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento immobiliare all'estero.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • flavio camera 4 dicembre 2012 at 20:51

    Salve,
    io ho problemi con Equitalia. Sono residente nella casa di mia nonna che ora si è trasferita a Perugia e quindi la casa è vuota, io vivo a casa della mia compagna
    Ho già una cessione del quinto in corso da circa 2 anni.
    Io so che per legge sulla busta paga non possono essere presenti due cessioni del quinto. Volevo sapere se Equitalia può farmi lo stesso un pignoramento sullo stipendio?
    Grazie cordiali saluti

    • Carla Benvenuto 4 dicembre 2012 at 21:04

      Certo, non si possono chiedere due prestiti con cessione del quinto. Ma il pignoramento dello stipendio è altra cosa. E sicuramente Equitalia procederà in tal senso per recuperare il proprio credito.

      Questa la cattiva notizia. La buona novella è invece relativa al fatto che Equitalia potrà pignorarle il 20% dello stipendio solo se lei percepisce un importo mensile netto superiore a 5000 euro.

      La quota pignorata sarà pari ad 1/10 nel caso in cui l'importo mensile percepito netto dal debitore è minore di 2.500 euro. Di 1/7 nel caso in cui l'importo mensile netto percepito dal debitore è compreso fra 2.500 e 5.000 euro