Pignoramento immobiliare dopo la morte del debitore

Pignoramento immobiliare - Se il debitore muore e gli eredi rinunciano all'eredità

Se il debitore muore e gli eredi non accettano l’eredità, contro chi si promuove un pignoramento immobiliare?

Eredità e pignoramento in caso di rinuncia

Se il de cuius possiede dei beni ereditabili, i creditori subentreranno agli eredi che hanno rinunciato.

Infatti, i creditori del debitore defunto possono farsi autorizzare entro 5 anni dalla rinuncia, ad accettare l'eredità in nome e per conto del rinunciante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni del debitore defunto e fino a concorrenza dei crediti vantati.

Il chiamato non acquisisce la qualità di erede – perché questa non può essere attribuita contro la volontà di costui – ma cionondimeno, i creditori potranno effettuare pignoramento sui beni del debitore defunto, visto che saranno costoro ad accettare l'eredità in sostituzione del chiamato.

6 novembre 2012 · Lilla De Angelis

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento immobiliare dopo la morte del debitore. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento immobiliare dopo la morte del debitore Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 6 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte

Contenuti suggeriti da Google

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti