Pignoramento della prima casa - nessun limite per quello avviato da privati banche e finanziarie

Nell'ipotesi, invece, in cui il creditore sia un privato, una società o un istituto di credito, nessun limite, ai fini del pignoramento immobiliare, è previsto dal nostro ordinamento giuridico.

Ovviamente, ai fini di evitare l'espropriazione, è possibile chiedere, ai sensi dell'articolo 495 codice di procedura civile, prima che sia disposta la vendita della casa, di sostituire alle cose o ai crediti pignorati una somma di denaro pari all'importo dovuto al creditore pignorante e ai creditori eventualmente intervenuti, comprensivo di capitale, interessi e spese.

Per fare ciò, è possibile depositare un'apposita istanza presso la Cancelleria del Tribunale competente, unitamente ad una somma di denaro non inferiore ad un quinto dell'importo del credito per cui è stato eseguito il pignoramento (e dei crediti dei creditori intervenuti), dedotti i versamenti effettuati di cui deve essere data prova documentale.

17 aprile 2014 · Andrea Ricciardi

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento della prima casa - nessun limite per quello avviato da privati banche e finanziarie.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Massimiliano Felix Badii 8 ottobre 2014 at 14:38

    In relazione all'articolo, vi segnalo che, in particolare, il pignoramento immobiliare esattoriale non può essere effettuato se l'immobile ha tutte le seguenti caratteristiche:

    • - è destinato ad uso abitativo e il debitore vi risiede anagraficamente;
    • - è l'unico immobile di proprietà del debitore;
    • - non è di lusso, (cioè con le caratteristiche previste dal decreto del Ministro per i lavori pubblici 2 agosto 1969, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 218 del 27 agosto 1969), ovvero è una villa (A/8), un castello o un palazzo di eminente pregio artistico o storico (A/9).

    Negli altri casi si può procedere al pignoramento dell'immobile solo se:

    • - l'importo del debito iscritto a ruolo è superiore a 120.000 euro;
    • - sono passati sei mesi dall'iscrizione di ipoteca e il debitore non ha pagato.
    • Simone di Saintjust 8 ottobre 2014 at 17:21

      Grazie Massimiliano per il prezioso feedback. Dopo il tuo intervento, abbiamo cercato di dare maggior chiarezza al contenuto che, nella impostazione precedente, risultava abbastanza ambiguo.