Pignoramento della prima casa - limiti per quello avviato da equitalia

Nel giugno del 2013, è stato approvato il cosiddetto Decreto del Fare (decreto legge numero 69/2013), che stabilisce, all'articolo 52, il divieto di espropriare gli immobili quando:

  • il credito per cui si procede è uno di quelli la cui riscossione è affidata ad Equitalia;
  • si tratta dell'unico immobile di proprietà, non di lusso (nè catastalmente classificato nelle categorie A8 o A9) adibito ad uso abitativo e di residenza anagrafica del debitore;

Se il debitore è proprietario di più unità immobiliari o anche di una sola, di lusso o classificata catastalmente nelle categorie A/8 o A/9, per poter avviare l'espropriazione il debito deve superare i 120 mila euro e devono essere trascorsi almeno sei mesi dall'iscrizione dell'ipoteca.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento della prima casa - limiti per quello avviato da equitalia. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento della prima casa - limiti per quello avviato da equitalia Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 17 aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria pignoramento ed espropriazione della casa - procedura esattoriale Inserito nella sezione pignoramento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info