Quando i tribunali si pronunciano contrariamente allo stop dell'esecuzione forzata prevista dall'articolo 164 bis cpc

Non tutti i giudici, però, sono favorevoli all'applicazione dell'articolo 164 bis Cpc che determina lo stop dell'esecuzione forzata per eccessivo deprezzamento del bene immobile sottoposto al pignoramento.

Una pronuncia controcorrente: i soli ribassi a base d'asta non comportano l'estinzione anticipata dell'espropriazione forzata per infruttuosità.

A parere del Tribunale di Palermo, infatti, l'istituto della chiusura anticipata del processo esecutivo per infruttuosità dell'espropriazione, non può trovare applicazione quando la riduzione del prezzo a base d'asta degli immobili pignorati è stata determinata, conformemente al dettato codicistico, dall'esito infruttuoso dei precedenti tentativi di vendita.

Secondo i giudici palermitani non sempre può essere applicato l'articolo 164 bis. Infatti, lo stesso non può trovare adesione quando, nonostante i ribassi, il valore dei beni è tale da consentire un ragionevole soddisfacimento delle pretese dei creditori.

Ciò, perché l'articolo 164 bis Cpc stabilisce che il processo esecutivo deve chiudersi quando, tenuto conto dei costi per la sua prosecuzione, delle probabilità di liquidazione del bene pignorato e del suo presumibile valore di realizzo, è da ritenere che non sarà possibile conseguire un “ragionevole soddisfacimento delle pretese dei creditori”.

Si deve trattare, in altri termini, di casi limite, nei quali il valore del bene è così irrisorio da non coprire, ragionevolmente, neppure i costi necessari per la vendita.

Dunque, la semplice riduzione del prezzo a base d'asta non può invece consentire la chiusura anticipata del processo esecutivo.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , ,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando i tribunali si pronunciano contrariamente allo stop dell'esecuzione forzata prevista dall'articolo 164 bis cpc. Clicca qui.

Stai leggendo Quando i tribunali si pronunciano contrariamente allo stop dell'esecuzione forzata prevista dall'articolo 164 bis cpc Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 22 ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 22 ottobre 2015 Classificato nella categoria pignoramento ed espropriazione della casa - procedura esattoriale Inserito nella sezione pignoramento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca