Pignoramento esattoriale presso terzi – sessanta giorni per impugnare il provvedimento

Nuova direttiva Equitalia dell’8 giugno 2010: più tempo per opporsi al pignoramento presso terzi.

L’Agente della riscossione ha il potere di chiedere il pignoramento presso terzi per la riscossione delle somme iscritte a ruolo.

La norma di riferimento è l’articolo 72 bis del DPR 602/1973 che prevede appunto la possibilità di ordinare a un soggetto (ad esempio il datore di lavoro) di versare direttamente all’Agente della riscossione le somme che avrebbe dovuto pagare al debitore iscritto a ruolo (ad esempio il dipendente).

Sul punto, la società Equitalia ha emesso, con la recentissima direttiva n. 12 dell’8 giugno 2010, disposizioni di maggior favore per il contribuente.

In particolare ha previsto che il terzo debba effettuare il versamento entro sessanta giorni, e non più entro quindici giorni dalla notifica dell’atto di pignoramento.

Questo vuol dire che il contribuente ha molto più tempo per opporsi al pignoramento che ritenga illegittimo.

Per porre una domanda  su qualsiasi argomento correlato all’articolo, clicca qui.


Offri il tuo contributo virtuale alla visibilità di indebitati.it

Stai leggendo Pignoramento esattoriale presso terzi - 60 giorni per proporre ricorso Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il 2 agosto 2010 Classificato nelle categorie pignoramento - contenuti obsoleti Etichettato con tag Letture 1.370Numero di commenti e domande: 4

Se hai un account Google+ o Facebook e navighi con un browser aggiornato, puoi contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

Se vuoi restare informato sui contenuti del sito, iscriviti alla newsletter o al feed di indebitati.it

Commenti e domande dei lettori

  • Devi essere registrato e connesso per poter inserire un commento o un quesito. Se non sei un utente registrato, puoi commentare gli articoli o inserire un quesito nel forum, anche con un account Facebook o Google+.

    Connect with:
  • zacconi stefano 26 novembre 2010 at 09:12

    In rif. alle cartelle esatt. equitalia, vorrei conoscere il vs. punto di vista. Ho un determinato numero di cartelle
    provenienti da due distinti sportelli di regione diversa; su queste gravano delle ipoteche, premesso ciò, le domande sono le seguenti :
    * è vero che con disposizioni di legge l’ente impositore non può trascrvere ipoteca legale per importi innferiori a Euro 8.000; e quali sono le procedure e i tempi per richiederne l’annullamento ?
    * è vero che le recenti disposizioni giudiziali (Trib.Abbiategrasso) hanno annulato tutte le cartelle provenienti dagli uff. postali della Lombardia, per erronea notifica; queste disposizioni valgono anche per le altre regioni ? E nell’eventualità che ciò sia possibile, quali sono le procedure necessarie da effettuare per la richiesta di annullamento ?
    Nell’attesa di un cortese riscontro in merito, invio distinti saluti.
    Stefano Zacconi

    • cocco bill 26 novembre 2010 at 11:01

      Salve Stefano. La sua richiesta di parere andrebbe sottoposta nella sezione “cartelle esattoriali” del nostro forum.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è ovviamente necessaria per poter ottenere risposta.

      Potrà inserire il suo quesito e leggere la risposta dei consulenti anche come semplice ospite visitatore, non registrato.

1 2