Pignoramento immobiliare - pignoramento presso terzi e presso la residenza del debitore sia ordinario che esattoriale » La guida completa [Commento 2]

  • Warrior76 11 febbraio 2015 at 11:23

    La ringrazio per il parere. Quel che lei vede come stranezza da parte mia, però, è facilmente spiegabile: ieri sera, nella foga di condensare in soldoni l'intricatissima faccenda, mi sono evidentemente scordato di significare che fino a ieri mattina non sapevo assolutamente nulla del pignoramento. La Ctu del Tribunale, infatti, s'era presentata citofonando l'altro ieri e limitandosi a lasciare una "notifica" (su carta semplice, in busta chiusa non affrancata) nella mia buca delle lettere. Ma non era indirizzata a me, a un membro del mio nucleo familiare convivente o a mia madre, comproprietaria del bene anch'essa residente, bensì a mio padre. E l'indirizzo riportato è quello della casa dove vive da più di vent'anni, non quello del presente domicilio. A quale giudice avrei dovuto rivolgermi, se a me non è stato notificato nulla e ho scoperto la cosa solo contattando la Ctu per protestare che mio padre non risiede più qui da tempo e la sua corrispondenza andava conferita all'interessato? Non so nemmeno chi sia detto giudice, ignoravo totalmente l'istruzione della pratica. Non possiedo tuttora gli strumenti giuridici per agire in qualsiasi modo (non apro corrispondenza non mia e tutta la cosa mi sembra comunque irrituale se non illegale). Non è assurdo che la cosa non sia stata notificata nemmeno alla comproprietaria dell'immobile che ci vive? La Ctu, fra l'altro, mi ha risposto riassumendomi in soldoni la situazione e minacciando di fare ricorso alla forza pubblica in caso di "atteggiamento non costruttivo" e io le ho replicato che la metà del bene cui allude è mio per usucapione. Non essendosi più fatta viva e non essendomi stato notificato alcunché, non so davvero cosa dovrei fare.

    • Ludmilla Karadzic 11 febbraio 2015 at 12:03

      Il ricorso al Tribunale presso il giudice dell'esecuzione (non il giudice specifico che ha dato il via all'azione esecutiva, ma il giudice che svolge la funzione di esaminare i motivi di opposizione verso tutte le procedure in corso), si presenta non tanto e non solo per contestare i vizi di notifica di un atto, ma per eccepire la legittimità della procedura di esecuzione (che inizia con il pignoramento del bene e termina con la sua espropriazione) da parte di debitori esecutati nonché di soggetti cointeressati (comproprietari dei beni su cui il creditore agisce, appunto).

      Non ha praticamente un termine di decadenza, se non quello della conclusione del procedimento con l'assegnazione del bene venduto all'asta, e può essere avviato, con il supporto di un avvocato, nel momento in cui il terzo apprende che il creditore sta ledendo i propri diritti, come può essere una visita del CTU.

      Lei, già ieri sera, avrebbe dovuto cominciare a cercarsi un avvocato. Inutile e controproducente contestare o ostacolare il lavoro del CTU nominato dal giudice.

1 2 3 4

Torna all'articolo