Pignoramento immobiliare - pignoramento presso terzi e presso la residenza del debitore sia ordinario che esattoriale » La guida completa [Commento 1]

  • Warrior76 10 febbraio 2015 at 22:05

    Buona giornata. Trovandomi nel bel mezzo di una procedura di pignoramento immobiliare complicata da tortuose vicende familiari frammiste a quelle aziendali del comproprietario, avviata tramite citofonata e successivo deposito di lettera nella mia cassetta postale, devo esporre il mio caso per chiedere lumi agli esperti del forum.

    In sostanza, la casa con pertinenza box auto in cui risiedo con mio fratello e mia madre, comproprietaria al 50 per cento con mio padre, divorziato e non più residente qui da 22 anni, è finita sotto pignoramento a causa dei debiti o presunti tali contratti dall'azineda posseduta da mio padre e messa in liquidazione volontaria il 30 novembre 2012. La procedura del tribunale relativa all'immobile di mia innegabile usucapione è stata avviata nel 2013. Ignoro se mia madre abbia trascritto ai tempi l'assegnazione dell'immobile come da sentenza di separazione e quindi di divorzio.

    La cosa strana dell'intera vicenda è che i creditori o il creditore - temo proprio si tratti di una delle banche presso cui mio padre aveva acceso mutui per la summenzionata attività - si stiano rivalendo sulla casa in comune di esclusivo usufrutto da parte dell'ex nucleo familiare dell'indebitato (noi di debiti non ne abbiamo nemmeno l'ombra) senza passare prima dal fabbricato dell'azienda, due piani di uffici e magazzino soppalcato del valore presunto di almeno 2-3 milioni di euro per un'azienda che nel 2008 aveva fatturato 4 milioni circa.

    Tornando a bomba, nelle condizioni di cui sopra - usucapione dell'immobile, mancato reclamo della titolarità del comproprietario indebitato non residente da più di vent'anni, assegnazione dell'immobile da sentenza di Tribunale a seguito di separazione e poi di divorzio - i creditori del comproprietario mio padre hanno diritto al pignoramento? E se sì, possono sbatterci materialmente fuori di casa, anche potendosi rivalere della sola metà della nostra casa? Quali argomentazioni possiamo opporre alla pretese del Ctu di visionare i vani per fare una stima valoriale e quindi disporre l'incanto del bene? Grazie.

    • Simone di Saintjust 11 febbraio 2015 at 06:37

      L'assegnazione della casa a sua madre in seguito a sentenza giudiziale di divorzio, la comproprietà del bene pignorato con un soggetto (sua madre) non debitore, la mancata escussione dei beni aziendali nella disponibilità esclusiva del debitore (suo padre) sono elementi che, se suffragati da fatti e documenti, invaliderebbero il pignoramento.

      Il CTU è solo un professionista incaricato dal giudice della valutazione del bene pignorato ed eventuali vostre lamentele e doglianze non vanno esposte a lui e non lo riguardano.

      A dire il vero, la cosa più strana in questa vicenda, è che lei abbia scritto ad indebitati.it ed ancora non si sia rivolto ad un avvocato per un ricorso al giudice dell'esecuzione prima che sia troppo tardi.

1 2 3 4

Torna all'articolo