Vendita del bene o assegnazione del bene al creditore

Tale finalità si realizza di solito con la vendita forzata anche se è possibile, con le dovute cautele, che il bene sia assegnato direttamente al creditore a soddisfazione delle sue pretese.

I creditori non possono proporre l'istanza di vendita se prima non sono trascorsi dieci giorni dal pignoramento.

La vendita forzata può farsi con o senza incanto:

  • senza incanto a mezzo di commissionario: in questo caso il giudice, sentito eventualmente uno stimatore, fissa il prezzo minimo e l'importo globale fino al raggiungimento del quale la vendita dovrà essere eseguita;
  • all'incanto: il giudice con provvedimento di vendita, stabilisce il giorno, l'ora e il luogo della vendita, nonchè il prezzo di apertura dell'incanto, oppure dispone che la vendita avvenga al miglior offerente senza determinare il prezzo minimo.

Effetto tipico dell'acquisto in sede di esecuzione è quello purgativo.

Che cosa significa? Nel senso che il bene ceduto viene trasferito libero da ipoteche e da pegni.

La soddisfazione del credito può ottenersi anche mediante l'attribuzione diretta del bene pignorato al creditore.

In questo caso, è necessario determinare il valore per stabilire se il credito possa essere soddisfatto in toto o parzialmente.

L'eventuale differenza che residuasse va restituita al debitore.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su vendita del bene o assegnazione del bene al creditore.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.