Pignoramento: nuove disposizioni » Ora più semplice anche in presenza di donazioni trust o fondi patrimoniali: non è più fondamentale un'azione revocatoria

Con l'entrata in vigore della legge 83/15, il pignoramento è diventato più facile per il creditore, che ha via libera di procedere anche in presenza di donazioni, trust o fondi patrimoniali.

Come noto, il fondo Patrimoniale è stato da sempre lo strumento utilizzato per tutelare la casa familiare dai rischi derivanti dai debiti futuri.

Oggi, però, il fondo Patrimoniale ha perso completamente le garanzie offerte in precedenza.

Infatti, con le nuove disposizioni di legge, ovvero il decreto legge 83 del 27/06/2015, il creditore che veda pregiudicate le proprie ragioni da un atto di cessione dei propri beni posto in essere dal debitore, come ad esempio una donazione, un trust o appunto la costituzione di un fondo Patrimoniale, potrà effettuare il pignoramento senza prima dover ottenere dal Tribunale una sentenza che revochi l'atto di donazione o di costituzione del Fondo (la cd revocatoria).

Ricordiamo che, prima del D.L. n. 83, chi donava un bene o costituiva un trust od un Fondo Patrimoniale poteva essere soggetto ad una azione, detta revocatoria, entro i cinque anni successivi alla disposizione.

Quindi, il creditore doveva prima richiedere al Tribunale la revocatoria dell'atto e poi procedere con il pignoramento. Ciò voleva dire che il creditore doveva provare che l'atto di disposizione del bene era stato compiuto con intento fraudolento.

Ma da ora in avanti non sarà più così, ed il creditore potrà recuperare i propri denari in modo relativamente più semplice e diretto.

Vediamo come, in che modo, e perché.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento: nuove disposizioni » ora più semplice anche in presenza di donazioni trust o fondi patrimoniali: non è più fondamentale un'azione revocatoria.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.