Ipoteca e pignoramento della casa – perderne la proprietà ma continuare ad occuparla

Sei in attesa del pignoramento della casa e ti riconosci in una o più delle seguenti situazioni

  1. Equitalia ha iscritto ipoteca e prima o poi provvederà al pignoramento della casa di tua proprietà adibita ad abitazione principale, ma il debito iscritto a ruolo è superiore ai 20 mila euro; oppure, essendo uguale o inferiore a tale cifra non hai presentato ricorso, o nutri pochissime speranze che esso venga accolto.
  2. La banca ti ha inviato la famigerata comunicazione di DBT – ovvero di Decadenza del Beneficio del termine, anticamera del pignoramento della casa – perchè ormai non paghi le rate del mutuo da mesi e non hai potuto chiederne la sospensione dal momento che la fortuna non ha baciato i tuoi congiunti con un tuo decesso, o almeno una malattia terminale per te – che sei l’unico percettore di reddito familiare – o, peggio, il datore di lavoro non ha ancora deciso di licenziarti o collocarti in cassa integrazione guadagni. E, dunque, la banca si appresta ad effettuare il pignoramento della casa per procedere poi alla sua vendita all’asta.
  3. Prima che i creditori procedano al pignoramento della casa ed alla successiva espropriazione, hai tentato inutilmente di venderla, per evitare l’asta ed ottenere un prezzo di mercato; ma in questo periodo di crisi ti offrono quattro soldi, ed anche se riuscissi a vendere il creditore si mangerebbe quasi tutto il ricavato.
  4. La notte, ormai, non dormi più in attesa del pignoramento della casa, perchè non sai dove sistemare moglie, figli, suocera e cane. Non hai più un euro per poter pagare un affitto e sai che dalla vendita all’asta della casa – frutto dei tuoi risparmi di una vita – non ti resterà niente. Gli avvoltoi che svolazzano nelle cancellerie dei tribunali, si accorderanno su chi dovrà aggiudicarsi la tua casa a prezzo di saldi. Già fiutano l’odore del sangue: il tuo!

Tranquillo, non tutto è perduto – Ma devi muoverti in fretta … possibilmente prima del pignoramento della casa

Se hai già deciso di separarti legalmente dal coniuge, questo è il momento giusto per compiere il grande passo. Se, invece, il tuo matrimonio procede senza intoppi verso le nozze d’oro o d’argento, allora mi spiace, ma è inutile, per te, continuare a leggere. Prima però accetta tutta  la mia solidarietà per un futuro che immagino triste ed in condizioni di indigenza, senza un tetto sotto il quale  riparare la tua famiglia, ancora unita anche se senza fissa dimora, quando pioverà e farà freddo: pazienza, ti riscalderanno il cuore di tua moglie ed i sorrisi dei tuoi figli. Solo in un primo tempo, però: perché è statisticamente provato che se i problemi di convivenza non erano sorti prima, verranno immancabilmente fuori con le ristrettezze economiche …

Offri il tuo contributo virtuale alla visibilità di indebitati.it

Stai leggendo Pignoramento della casa - continuare ad occuparla dopo vendita asta Autore Rosaria Proietti Articolo pubblicato il 12 novembre 2011 Ultima modifica effettuata il 6 luglio 2014 Classificato nelle categorie pignoramento ed espropriazione di beni su cui gravano diritti immobiliari, pignoramento ordinario espropriazione vendita casa all'asta Etichettato con tag , , , , , , , , , , , , , Archiviato nella sezione conseguenze dei debiti » pignoramento » pignoramento dei diritti immobiliari Letture 5.585 Numero di commenti e domande: 17 Clicca qui per inserire un commento o porre una domanda.

Se hai un account Google+ o Facebook e navighi con un browser aggiornato, puoi contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

Se vuoi restare informato sui contenuti del sito, iscriviti alla newsletter o al feed di indebitati.it

Commenti e domande dei lettori

  • Devi essere registrato e connesso per poter inserire un commento o un quesito. Se non sei un utente registrato, puoi commentare gli articoli o inserire un quesito nel forum, anche con un account Facebook o Google+.

    Connect with:
  • Davidex1234 27 marzo 2013 at 14:52

    Salve, due anni fa’ ho venduto con atto notarile ai miei genitori la nuda proprieta’ della casa in cui vivono con diritto di usufrutto, casa aquistata 5 anni prima ed intestata a me la nuda proprieta’ per usufruire del vantaggio prima casa.
    Nel frattempo avevo aperto una sociota’ snc dalla quale sono uscito 3 anni fa’ lasciando il socio il socio che e’ andato avanti con l’attivita’, il problema e’ che anche prima della mia uscita e poi chiaramente dopo si sono formati dei debiti causa crisi con fornitori.Fino ad oggi tutti fanno riferimento al socio rimasto in societa’ per la riscossione, il quale nel frattempo ha messo in liquidazione il tutto.Ho timore che qualcuno possa venire a rifarsi sulla nuda proprieta’ che ho ceduto,
    potete darmi un aiuto, non sono piu’ sereno da mesi,
    grazie mille della disponibilita’

1 4 5 6