Pignoramento esattoriale del quinto dello stipendio in presenza di cessione [Commento 1]

  • daniele1 25 settembre 2013 at 01:10

    scusate ma non ho capito bene, il sottoscritto pensionato ha provveduto a fare la cessione del quinto a una finanziaria. ora un altra che purtroppo non sono riuscito a pagare mi avvisa che provvederà a pignorare un quinto.
    ma non dovrebbe essere ora un decimo? siccome ho già ceduto il quinto....la nuova finanziaria dovrebbe aspettare
    la fine del primo prestito con cessione? grazie

    • Ornella De Bellis 25 settembre 2013 at 17:55

      Non funziona così. Innanzitutto, trattandosi di un debito con una finanziaria (credito ordinario) il pignoramento comporta la trattenuta massima di un quinto. Con Equitalia il discorso è diverso (credito esattoriale): se il pensionato percepisce fino a 2500 euro netti mensili la quota pignorata massima è di un decimo.

      Ma torniamo a noi. La finanziaria di cui lei è debitore proverà a chiedere al giudice il pignoramento del 20% della sua pensione netta. Il giudice dovrà controllare che la somma della quota ceduta e di quella pignorata non portino la sua pensione a meno della metà. Ed inoltre che la pensione netta residua non finisca con l'essere inferiore al c.d. "minimo vitale" (circa 500 euro).

      Ove ciò accadesse, il giudice diminuirà la quota del 20% richiesta dal creditore (per questo si indica come quota massima) fino a rispettare i due requisiti a chi si è accennato, che sono imposti per legge.

Torna all'articolo