Conto corrente » Qualche espediente per difendersi dal pignoramento ordinario ed esattoriale [Commento 5]

  • marco45 19 gennaio 2016 at 08:17

    Buon giorno

    " per debiti assunti da un socio poi uscito dalla compagine" credo di essermi espresso male. Intendevo per debiti del socio contratti con la precedente ditta individuale che nulla a che vedere con questa nuova srl unip (se non perchè il socio era titolare della ditta con debiti)
    Facciamo anche il caso che invece che una srls sia una srl personale (così non è un istituzione recente senza casi analoghi).
    Se ho capito bene:
    1) Conto corrente : non bloccabile (anche con pignoramento quote non succede che da un giorno all'altro non possa più fare bonifici) : conferma? E' questo il mio grande timore, non vorrei trovarmi bloccati soldi di clienti che non hanno ancora ricevuto la merce (io compro sul venduto).

    2) Pignoramento quote: è sicuro oppure si valuta l'appetibilità dell'azienda (in base a bilanci/mod. unico precedenti) ?

    3) Se quote pignorate e nessuno le acquista?

    4)Verrei subito estromesso da a.d oppure dopo il subentro del nuovo socio (sempre che qualcuno la compri all'asta)?

    5) e se facessi un conferimento/trasformazione della ditta in srl anche tutti i debiti andrebbero a finire li (debiti sempre e solo di equitalia)? Perchè così facendo potrei metterla in liquidazione e aprine un'altra?

    Grazie

    • Ornella De Bellis 19 gennaio 2016 at 09:50

      In questo modo, con domande frammentate e poste in sequenza, anche a distanza di tempo, facciamo solo confusione, rischiando di dare come confermati fatti e principi che non sono stati in realtà discussi. La invito a formulare un quesito unitario con premesse chiare e richieste di chiarimenti ben precise e circoscritte.

      Il conto corrente della società inadempiente verso fornitori o fisco è pignorabile e bloccabile. Il pignoramento delle quote in possesso di un socio debitore è azione esecutiva esperibile dal creditore: inutile discettare in base a quali criteri questa azione possa, o meno, risultare fruttuosa.

      Il socio di una società a responsabilità limitata risponde dei debiti della società fino a compensazione del capitale conferito. Il titolare di una ditta individuale risponde in modo illimitato dei debiti della ditta e non può conferirli/trasformarli in alcun modo. I debiti restano suoi e si trasmettono agli eredi se questi non rinunciano.

1 3 4 5 6 7 11

Torna all'articolo