Il conto corrente serve esclusivamente al deposito degli emolumenti

Purtroppo, con l'introduzione dell'obbligo normativo che impone di accreditare le pensioni superiori a mille euro in un conto corrente, il creditore può arrivare a pignorare ben oltre il limite di un quinto perché, secondo la giurisprudenza, una volta che le somme sono depositate in banca, confondendosi con gli altri risparmi e ricavi, possono essere pignorate al 100%.

Lo stesso discorso vale per gli stipendi, che ormai vanno pagati quasi sempre con strumenti tracciabili e, quindi, di norma con accredito sul conto corrente.

Per evitare, allora, Equitalia (in questo caso) blocchi tutto lo stipendio non solo il quinto, si deve evitare di movimentare il conto corrente con versamenti diversi da quelli della pensione o dello stipendio.

Infatti si può impedire che Equitalia pignori tutto il conto corrente del pensionato o del dipendente qualora questi riesca a dimostrare al giudice che, all'attivo del conto, vi confluiscono solo la pensione o lo stipendio.

In questo caso, è possibile far applicare la regola generale in base alla quale la pensione o lo stipendio non possono essere pignorati fino al minimo vitale (525,89 euro) e, per la residua parte, solo nei limiti di un quinto.

29 settembre 2014 · Andrea Ricciardi

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il conto corrente serve esclusivamente al deposito degli emolumenti.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • marco45 8 marzo 2016 at 15:43

    Per caso ho detto qualcosa che l'ha infastidita sentendo il tono della sua risposta? In tal caso...me ne scuso

    • Ornella De Bellis 8 marzo 2016 at 15:54

      Assolutamente no, lei ha posto domande chiare e non ha nulla di cui scusarsi: solo che a fronte di scenari del tutto ipotetici, in situazioni che non hanno precedenti giurisprudenziali consolidati, noi non siamo in grado di fornire risposte affidabili. E per questo, siamo noi a scusarci.

    1 9 10 11