Consigli ai debitori per tutelarsi dal pignoramento del conto corrente

Pignoramento del conto corrente, sia esattoriale che ordinario: ecco qualche consiglio pratico per tutelarsi al meglio dai creditori.

Quasi la maggioranza dei consumatori, nel nostro paese, possiede un conto corrente personale.

Essere proprietari di un conto corrente, però, presenta diversi problemi.

In primis, Il fisco, il quale, attraverso il monitoraggio dell'Anagrafe tributaria e dall'Anagrafe dei conti, è in grado di sapere dove abbiamo il deposito, qual è il suo saldo e quali sono le movimentazioni in entrata e uscita.

Così, se non si è in grado di giustificare prelievi e versamenti, si rischia l'accusa di evasione fiscale, con conseguente applicazione di esose tasse e sanzioni.

Ma al peggio non c'è mai fine: il conto corrente, infatti, è trasparente anche ai creditori.

Ad Equitalia soprattutto, che può consultare le citate banche dati per avere un'idea di dove pignorare, ma anche per i creditori privati, i quali utilizzano spessoe la carta delle agenzie investigative.

Una volta individuato il conto corrente personale, lo stesso è facilmente aggredibile con il pignoramento presso terzi.

Per fortuna, esistono degli espedienti che consentono di salvare qualcosina ed evitare, così, di perdere tutto.

Ed allora, ascoltate questi piccoli suggerimenti e fatene tesoro.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su consigli ai debitori per tutelarsi dal pignoramento del conto corrente.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • marco45 8 marzo 2016 at 15:43

    Per caso ho detto qualcosa che l'ha infastidita sentendo il tono della sua risposta? In tal caso...me ne scuso

    • Ornella De Bellis 8 marzo 2016 at 15:54

      Assolutamente no, lei ha posto domande chiare e non ha nulla di cui scusarsi: solo che a fronte di scenari del tutto ipotetici, in situazioni che non hanno precedenti giurisprudenziali consolidati, noi non siamo in grado di fornire risposte affidabili. E per questo, siamo noi a scusarci.

    1 9 10 11