Pignoramento e comunione dei beni [Commento 2]

  • Casalinga 22 gennaio 2013 at 11:11

    Gentili, leggendo il vostro interessantissimo blog, mi sovviene un dubbio. Io sono sposata in regime di separazione legale dei beni. La casa è intestata a me, così come le macchine. Mio marito, per problemi legati alla sua impresa, ha contratto dei debiti che non siamo in grado di saldare. Volevo capire se c'è la possibilità che mi vengano pignorati mobili ed elettrodomestici. Premetto che gli unici mobili che non sono stati comperati a nome mio sono alcuni cimeli di famiglia di antiquariato (mobili). Grazie per l'aiuto.

    • Annapaola Ferri 22 gennaio 2013 at 11:52

      In linea generale la separazione dei beni può essere fatta valere nei confronti dei creditori di suo marito se, e solo se, essa risulta annotata a margine dell'atto di matrimonio. In questa ipotesi i creditori di suo marito potrebbero procedere nei suoi confonti, coniuge in separazione dei beni del debitore se, e solo se, riuscissero a dimostrare che gli obblighi di suo marito sono stati assunti nell'interesse della famiglia (e non dell'impresa).

      La rimando a questo articolo: Separazione dei beni – è opponibile al creditore solo se annotata sull'atto di matrimonio.

      Comunque, tutti i beni di cui lei non possiede fatture d'acquisto, ubicati presso la residenza del debitore, potranno essere pignorati dall'ufficiale giudiziario.

    • Casalinga 22 gennaio 2013 at 12:08

      La ringrazio di cuore per la rapida risposta. Il vostro lavoro è una luce importante in questo periodo in cui tanti Italiani si trovano a confrontarsi con questioni così complesse. Un caro saluto e grazie ancora.

1 2

Torna all'articolo