Pignoramento beni della società causa mancao pagamento affitto

Notifica di pignoramento dei beni della società

Ho ricevuto in questi giorni la notifica per il pignoramento dei beni della mia società a causa del mancato pagamento dell'affitto da più di 3 mesi.

Nel locale in questione i beni presenti sono stati acquistati con un prestito di Sviluppo Italia le cui rate sono pagate regolarmente e dureranno fino al 2015.

Non posseggo nulla di personale a me intestato, ma i beni sono della società sas di cui sono amministratore.

Quello che mi chiedo è se i beni presenti nel locale (acquistati con Sviluppo Italia e ancora in pagamento) possano essere pignorati.

Ho ricevuto il consiglio di spostarli in un altro locale concessomi in comodato d'uso al fine di non farli pignorare, è fattibile?

Come posso muovermi al meglio?

Pignoramento nei limiti di un quinto dei bai indispensabili all'esercicio dell'attività

Secondo quanto previsto dal codice di procedura civile, gli strumenti, gli oggetti e i libri indispensabili per l’esercizio della professione, dell'arte o del mestiere del debitore possono subire pignoramento nei limiti di un quinto, quando il presumibile valore di realizzo degli altri beni rinvenuti dall'ufficiale giudiziario o indicati dal debitore non appare sufficiente per la soddisfazione del credito.

Purtroppo però, il predetto limite non si applica per i debitori costituiti in forma societaria e in ogni caso se nelle attività del debitore risulta una prevalenza del capitale investito sul lavoro.

Per il resto l'articolo 492 del codice di procedura civile offre le risposte alle sue domande.

Fra l'altro, lei chiede come muoversi al meglio. La normativa vigente prevede che il pignoramento deve anche contenere l'avvertimento che il debitore può chiedere di sostituire alle cose o ai crediti pignorati una somma di denaro pari all'importo dovuto al creditore pignorante e ai creditori intervenuti, comprensivo del capitale, degli interessi e delle spese, oltre che delle spese di esecuzione, sempre che, a pena di inammissibilità, sia da lui depositata in cancelleria, prima che sia disposta la vendita o l'assegnazione, la relativa istanza unitamente ad una somma non inferiore ad un quinto dell'importo del credito per cui è stato eseguito il pignoramento e dei crediti dei creditori intervenuti indicati nei rispettivi atti di intervento, dedotti i versamenti effettuati di cui deve essere data prova documentale.

Circa il consiglio di spostare altrove i beni pignorabili deve tener presente che quando per la soddisfazione del creditore procedente i beni assoggettati a pignoramento appaiono insufficienti ovvero per essi appare manifesta la lunga durata della liquidazione, l'ufficiale giudiziario invita il debitore ad indicare ulteriori beni utilmente pignorabili, i luoghi in cui si trovano ovvero le generalità dei terzi debitori, avvertendolo della sanzione prevista per l'omessa o falsa dichiarazione. Della dichiarazione del debitore è redatto processo verbale che lo stesso sottoscrive ...

8 ottobre 2012 · Ludmilla Karadzic

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , ,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento beni della società causa mancao pagamento affitto. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento beni della società causa mancao pagamento affitto Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 8 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca