Pignoramento beni

Mia moglie, a seguito sfratto esecutivo di attività commerciale di tipo individuale, sarà oggetto di richiesta di pignoramento dei propri beni (per recupero pregresse locazioni nate per morosità): non possiede conto corrente né proprio né condiviso, non ha autoveicoli intestati né similari, non ha immobili di proprietà, non ha titoli ( i buoni postali esistenti, a breve saranno resi liquidi).

Siamo in regime di separazione dei beni dal 1993, la casa in cui viviamo è di mia esclusiva proprietà. Il problema sono tutti i mobili presenti nell'abitazione.

La soluzione ipotizzata che sottopongo alla Sua attenzione: essendo tecnico abilitato, regolarmente iscritto all'ordine professionale, redigo perizia tecnica giurata circa lo stato giuridico del mobilio (realmente mio e di mia suocera - al 50% - ma senza riscontri fiscali) al fine di definire i precisi titolari della proprietà.

Detta perizia sarà presentata alla visita all'Ufficiale Giudiziario al fine di vanificare l'intervento di pignoramento.

E' corretto oppure occorre precisare/aggiungere dell'altro?

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.