Non si può vendere o donare un bene sottoposto a pignoramento

Come accennato, chi vende o dona un bene sottoposto a pignoramento commette un reato, ovvero, la sottrazione di cosa pignorata.

Per sottrazione di cosa pignorata si intende qualsiasi atto volto a sottrarre il bene ai creditori o comunque a renderne più difficile il reperimento ai fini della vendita forzata.

Si parla anche, quindi, non solo della vendita o nella donazione, ma anche del comodato, ovvero il prestito.

E' configurabile come reato anche la pratica di nascondere il bene pignorato in un luogo non facilmente accessibile..

Una fattispecie molto comune consiste, ad esempio, nel donare i beni pignorati dall'ufficiale giudiziario a un parente, così da nasconderli ai creditori.

Ciò accade spesso quando i beni sottoposti a pignoramento rimangono nella materiale disponibilità del debitore medesimo, in quanto nominato custode.

In questo caso, infatti, l'ufficiale giudiziario, una volta eseguito il pignoramento dei beni mobili li lascia nel luogo dove li ha trovati, pur redigendo il verbale di pignoramento in cui intima il debitore di non utilizzarli o cederli.

Secondo normativa vigente, una volta pignorati, i beni mobili vengono spesso consegnati agli Istituti di Vendite Giudiziarie (IVG) che li asportano dal luogo dove si trovano al momento del pignoramento e li detengono presso un proprio magazzino per poi procedere alla vendita secondo le modalità fissate dal tribunale.

Comunque, siccome la vendita non avviene lo stesso giorno del pignoramento, ma solo all'approssimarsi delle date fissate per le aste, potrebbe comunque sempre profilarsi il pericolo che il debitore faccia scomparire i beni o li sostituisca con altri di valore inferiore, per proteggere il proprio patrimonio.

Comunque, in questo caso, la donazione o la vendita del bene pignorato resta valida nei confronti del terzo solo se quest’ultimo era in buona fede al momento della consegna, cioè ignorava che l'atto di cessione era finalizzato a sottrarre il bene ai creditori del venditore o del donante.

Altrimenti, il bene sarà appreso e venduto all'asta come se la cessione non fosse mai avvenuta.

22 aprile 2014 · Stefano Iambrenghi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su non si può vendere o donare un bene sottoposto a pignoramento. Clicca qui.

Stai leggendo Non si può vendere o donare un bene sottoposto a pignoramento Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 22 aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria nozioni generali sul pignoramento Inserito nella sezione pignoramento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca