Pignoramento alimentare e cessione del quinto

Pignoramento alimentare dalla mia ex moglie

Dipendente di azienda privata licenziato il 12/09/2011 avevo un pignoramento alimentare dalla mia ex moglie per 25.000 euro per un 1/5 dello stipendio.

Oggi residuo a 11.000 euro.

Nel febbraio 2012 ho fatto una cessione di un 1/5 dello stipendio ad una finanziaria, nel quale nelle note si evince in caso di cessazione del rapporto di lavoro che vanno versati tfr,ferie ecc.

Chi ha la precedenza?

Nella sentenza di separazione parla solo sino al soddisfo.

La mia azienda vuole versare TFR,FERIE, PERMESSI TUTTO ALLA SOCIETA DELLA CESSIONE.

Al momento la sua ex signora non ha alcun diritto a quote del Trattamento di Fine Rapporto da lei maturato

L'ex coniuge al quale, in sede di separazione è stato riconosciuto un assegno di mantenimento, e non è passato a nuove nozze, ha diritto al 40% del TFR percepito alla data di proposizione della domanda di divorzio.

Al momento, pertanto, la sua ex signora non ha alcun diritto a quote del Trattamento di Fine Rapporto da lei maturato.

Per il resto (ratei ferie e permessi non goduti) nulla è previsto per la moglie separata in caso di licenziamento o dimissioni volontarie.

25 settembre 2012 · Chiara Nicolai

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento alimentare e cessione del quinto.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.