Conto postepay - sono stato vittima di phishing

Qualche tempo fa, ho ricevuto un e mail da Postepay, dove si chiedeva, per ragioni di sicurezza non specificate, di accedere al mio account immediatamente, pena la sospensione dell'account.

L'email recitava così:

“Gentile cliente, dal 11 gennaio 2013 non potrai utilizzare la tua prepagata PostePay se non hai attivo il nuovo sistema di sicurezza web”

Dopo aver inserito le mie credenziali, sembrava essere tornato tutto alla normalità.

Dopo qualche giorno però, la brutta sorpresa.

Ho scoperto delle strane transazioni sul mio conto, che era stato prosciugato.

Ho immediatamente contattato gli uffici delle poste italiane, dove mi hanno spiegato che molto probabilmente sono stato vittima di una truffa, denominata phishing.

Sono sconvolto. Tutti i miei risparmi erano lì.

Adesso, c'è una legge che mi tutela da questo tipo di reato?

Come faccio per riavere indietro i miei soldi?

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su conto postepay - sono stato vittima di phishing. Clicca qui.

Stai leggendo Conto postepay - sono stato vittima di phishing Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 21 gennaio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 16 novembre 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca