Perdita di possesso del veicolo » Autocertificazione

In tutti i casi in cui l'annotazione di perdita di possesso non sia stata richiesta e il proprietario NON sia più in possesso della documentazione inerente l'evento, è possibile chiedere l'annotazione al PRA presentando un'autocertificazione (dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà ex dpr 445/2000).

L'annotazione, che in questo caso ha efficacia esclusivamente fiscale, rende possibile non rinnovare il bollo a partire dall'annualità successiva all'annotazione stessa, indipendentemente da quando è avvenuto l'evento.

I casi in cui l'annotazione può esser fatta con l'autocertificazione possono essere, a titolo esemplificativo:

  • consegna del veicolo ad un concessionario poi fallito o resosi irreperibile;
  • vendita del veicolo a soggetto i cui dati sono conosciuti ma NON sufficienti per il PRA;
  • rottamazione del veicolo con indisponibilità della relativa documentazione consegnata al demolitore, anche non autorizzato, che non ha provveduto a richiedere la radiazione al PRA.
  • cessione del veicolo a soggetto che lo ha esportato definitivamente senza provvedere alla radiazione dal PRA.
  • perdita di possesso del veicolo per furto, sequestro, confisca, etc. con indisponibilità della relativa documentazione (copia provvedimento e/o denuncia).

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su perdita di possesso del veicolo » autocertificazione.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.