Perdita di possesso del veicolo in seguito a calamità naturali

In caso di calamità naturali sono di solito le autorità che si occupano del recupero dei veicoli, d'intesta con le amministrazioni comunali che emettono specifiche ordinanze ad occuparsi della radiazione dei veicoli al PRA.

In alternativa il proprietario può procedere direttamente alla rottamazione con successiva radiazione al PRA a cura del demolitore.

Se queste strade non fossero possibili perché, per esempio, il veicolo non è stato recuperato, il proprietario può chiedere l'annotazione della perdita di possesso allegando i verbali o i provvedimenti delle autorità da cui si evinca l'avvenuta distruzione del veicolo in occasione dell'evento calamitoso.

Si potrà non rinnovare il bollo a partire dall'annualità successiva alla data dell'evento calamitoso, che negli archivi PRA risulterà come data dell'evento.
In mancanza di documentazione si può procedere mediante presentazione di un'autocertificazione (vedi sezione apposita).

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , , , , , , , , ,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su perdita di possesso del veicolo in seguito a calamità naturali. Clicca qui.

Stai leggendo Perdita di possesso del veicolo in seguito a calamità naturali Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 26 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria sentenze della Corte Costituzionale Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca