Pensione di invalidità e truffa - limiti al sequestro preventivo

Il sequestro della pensione di invalidità e dell'indennità di accompagnamento è ammesso fino al quinto, anche nel caso di truffa

La pensione di invalidità può essere sequestrata a fini di confisca solo fino al quinto, anche laddove si ipotizzi la truffa.

Questo principio deriva dalla regola generale dell'ordinamento processuale, desumibile dall'articolo 1 del DPR del 5 gennaio 1950, numero 180, in materia di limiti alla sequestrabilità degli stipendi e delle pensioni.

Sul punto, si è espressa la Cassazione, con sentenza del 17 marzo 2014, numero 12541, in un caso in cui si procedeva per il reato di truffa aggravata e continuata, ipotizzata come commessa da una persona che sarebbe riuscita a ottenere, senza essere cieca, la pensione di invalidità, ed era stato disposto il sequestro preventivo a fini di confisca in danno dell'indagata, sia  della pensione di invalidità sia dell'indennità di accompagno erogate dall'Inps.

L'indagata aveva prontamente proposto istanza di riesame avverso il provvedimento di sequestro e tale istanza era stata rigettata dal Tribunale.

Al contrario la Cassazione ha parzialmente accolto il ricorso, annullando senza rinvio l'ordinanza cautelare limitatamente ai quattro quinti dei ratei della pensione di invalidità e dell'indennità di accompagno, ribadendo il principio normativo secondo cui il sequestro è ammissibile solo nei limiti del quinto del relativo importo.

5 luglio 2014 · Antonella Pedone

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pensione di invalidità e truffa - limiti al sequestro preventivo.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.