I beneficiari della pensione di reversibilità

Hanno diritto alla prestazione i componenti del nucleo familiare del dante causa così come individuati dalla normativa di riferimento. Vediamoli.

I beneficiari:

  1. il coniuge;
    • il coniuge separato, purché il dante causa risulti iscritto all'Ente prima della sentenza di separazione; se il coniuge è separato con “addebito” (cioè per colpa), solo se è titolare di assegno alimentare a carico del coniuge deceduto;
    • il coniuge divorziato, se è titolare di assegno di divorzio e non ha contratto nuovo matrimonio, purché il dante causa risulti iscritto all'Ente prima della sentenza di divorzio.
      Nel caso in cui il coniuge deceduto abbia contratto un nuovo matrimonio, la percentuale di ripartizione dell'unica quota di reversibilità tra il coniuge superstite ed il coniuge divorziato è stabilita dall'autorità giudiziaria con motivata sentenza su istanza delle parti interessate. In caso di morte di uno dei due coniugi titolari della pensione di reversibilità, al coniuge sopravvissuto viene attribuita la quota intera. In caso di nuove nozze, il coniuge perde il diritto alla pensione di reversibilità e allo stesso viene liquidata, una tantum, una somma pari a 26 volte l'importo della pensione percepita alla data del nuovo matrimonio.
  2. i figli (legittimi, legittimati, adottivi, naturali, legalmente riconosciuti):
    • minori di 18 anni;
    • studenti di scuola media superiore di età compresa tra i 18 e i 21 anni, a carico del genitore deceduto e che non svolgono attività lavorativa;
    • studenti universitari per tutta la durata del corso legale di laurea e, comunque, non oltre i 26 anni, a carico del genitore deceduto e che non svolgono attività lavorativa;
    • inabili di qualunque età a carico del genitore deceduto.
  3. i nipoti, che la Corte Costituzionale ha equiparato ai figli legittimati includendoli tra i destinatari della pensione di reversibilità, purché di età inferiore ai 18 anni e a carico del dante causa, anche se non formalmente affidati allo stesso.
  4. i genitori(in mancanza del coniuge, dei figli e dei nipoti):
    • con almeno 65 anni di età;
    • non siano titolari di pensione diretta o indiretta;
    • a carico del dante causa al momento del decesso.
  5. i fratelli celibi e le sorelle nubili (in mancanza del coniuge, dei figli, dei nipoti e dei genitori):
    • inabili al lavoro;
    • a carico del lavoratore defunto;

La condizione “a carico” si configura come uno stato di bisogno determinato dalla non autosufficienza economica e dal mantenimento abituale da parte del dante causa quando il superstite percepisce un reddito non superiore all'importo del trattamento minimo di pensione maggiorato del 30%.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i beneficiari della pensione di reversibilità.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.