Pd, Parisi chiede le dimissioni Veltroni - serve una "guida seria"

A due giorni dall'assemblea costituente che, sia pur con metà dei delegati presenti, ha eletto la direzione del Pd, l'ex ministro della Difesa Arturo Parisi, considerato una "anima critica" del partito, chiede le dimissioni del segretario, spiegando che "c'è bisogno di una guida e di un pensiero che sia almeno serio se non forte".

"Mi illudevo di poter distinguere la leadership dal leader e perciò chiedevo a Veltroni di cambiare linea - ha detto Parisi in un'intervista pubblicata oggi dal ‘Corriere della Serà - Sono passati due mesi e di fronte ai ripetuti avvertimenti che ci vengono dagli elettori e dall'interno del partito la linea non è cambiata. E' evidente allora che a questo punto bisogna cambiare leader".

Nell'intervista, Parisi ha criticato la "subalternità del governo ombra al calendario e all'agenda del governo sole", e ha accusato Veltroni di non aver detto nulla "sulla sconfitta politica, niente su Roma, sulla Sicilia (il centrosinistra ha perso il Campidoglio e ha riportato un risultato molto deludente alle regionali siciliane), sulle altre amministrative che dalla Sardegna alla Val d'Aosta sono state anch'esse un disastro".

Ma l'ex ministro attacca anche "il clima zuccheroso, buonista e sorridente che ha da sempre caratterizzato la leadership veltroniana".

"Ci sono state stagioni nelle quali ‘pensare positivò era di moda, e bastava copiare alla lettera gli slogan e le forme della propaganda americana - ha detto Parisi nell'intervista al Corsera - Questa è invece una stagione nella quale c'è bisogno di una guida e di un pensiero che sia almeno serio, se non forte, e comunque nostro".

Parisi ha contestato l'assemblea di venerdì scorso, affermando che non c'era il numero legale per eleggere il nuovo organismo dirigente, e si è rifiutato poi di entrare nella direzione del Pd.

L'esponente politico, spesso considerato vicino all'ex premier Romano Prodi, ha però negato che intende uscire dal Pd: "Non sarò io ad andarmene".

Nella sua relazione di venerdì, Veltroni ha detto che il dialogo con il governo Berlusconi sembra ormai definitivamente spezzato dopo la presentazione di un contestato emendamento che punterebbe per l'opposizione a bloccare i processi all'ex premier e ha annunciato una manifestazione contro l'esecutivo in autunno.

Ancora, il leader ha detto, rivolto all'Udc, che il Pd sostiene il bipolarismo e non il bipartitismo, ha avuto accenti critiche per le correnti interne e ha lanciato il tesseramento da luglio.

fonte REUTERS

22 giugno 2008 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pd, parisi chiede le dimissioni veltroni - serve una "guida seria".

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Angelo Panebianco 25 giugno 2008 at 08:43

    I rapporti fra maggioranza e opposizione sono oggi condizionati dalla riapertura del contenzioso fra il premier e una parte della magistratura ma anche dallo stato di debolezza in cui versa la leadership di Walter Veltroni nel Partito democratico. Veltroni ha perso le elezioni e, in altre circostanze, questo sarebbe motivo sufficiente per spingere un leader alle dimissioni.

    Nel caso di Veltroni questa regola non era applicabile. Perché egli assunse la guida del Partito democratico in una fase di fortissimo deterioramento del rapporto fra il centrosinistra e l'opinione pubblica. A Veltroni non venne affidato il compito (impossibile) di vincere ma quello di salvare il salvabile in attesa di una successiva occasione più propizia. Più che la sconfitta alle elezioni nazionali è stata la successiva perdita del Comune di Roma, luogo-simbolo su cui Veltroni aveva in precedenza costruito la sua immagine di politico vincente, a logorarlo (anche il «cappotto» nella tornata amministrativa siciliana non lo ha certo aiutato). Fin qui, i dati oggettivi. Ma ci sono anche gli aspetti soggettivi. Il principale dei quali è che Veltroni, di fronte all'indebolimento della propria leadership, ha scelto un atteggiamento oscillante, difensivo, il cui unico effetto sarà, se egli non riprenderà l'iniziativa, di permettere ai suoi avversari interni di cucinarlo a fuoco lento.

    Contro il segretario si sono manifestati due tipi di opposizione. La prima è aperta, diretta e trasparente. La seconda è indiretta, aggirante, subdola. L'opposizione aperta è quella di Arturo Parisi. Parisi dice: non condivido la piattaforma politica, chiedo quindi le dimissioni del segretario. Chiaro e lineare. I riflessi condizionati della politica fanno sì che il segretario e il suo entourage abbiano così potuto bollare Parisi come il peggior «nemico». Ma i nemici peggiori sono altri, sono quelli che hanno scelto la strada più subdola. Essi dicono: il segretario (per ora) non si tocca, ma va cambiata la piattaforma politica. Si tratta, dicono, di ricreare l'alleanza con la sinistra massima-lista, di sbarazzarsi della «vocazione maggioritaria» («Il bipartitismo non ci conviene», dice Massimo D'Alema) con le conseguenze del caso anche in materia di riforma elettorale, di ritornare all'antiberlusconismo come componente centrale dell'identità di partito («no al dialogo» dice Rosy Bindi).

    La politica, con i suoi alti e bassi, mette spesso i leader in difficoltà. In quei momenti essi devono scegliere: tirare dritto, andare alla conta, scontrarsi con i propri nemici interni, oppure galleggiare, sopravvivere piegandosi al volere degli altri. Ciò che Veltroni deve chiedersi è: che cosa resta di un leader se la piattaforma politica su cui si è impegnato e ha chiesto i consensi viene messa da parte? Non è forse un congresso di partito la sede naturale per costringere quelli che vogliono cambiare la linea politica, fingendo però di appoggiare il segretario, ad allinearsi con lui o ad affrontarlo a viso aperto? Ciò può essere fatto, in corso d'opera, mentre viene ricalibrata l'azione parlamentare del partito. Al quale non serve inseguire generici dialoghi né, d'altra parte, riproporre i riti frusti della demonizzazione. Ha solo bisogno di fare opposizione puntuale, anche dura, sui temi non condivisi e di convergere su quelli condivisi.

1 7 8 9