Patente ritirata per utilizzo dello smartphone durante la guida » la novità dalla possibile riforma del codice della strada

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Grazie alla probabile approvazione della riforma del codice della strada, si prospettano tempi duri per gli automobilisti: sarà ritirata, infatti, la patente per chi utilizzerà lo smartphone durante la guida.

Nel lontano ottobre del 2014, la riforma del Codice della strada veniva approvata dalla Camera: ma oggi, a distanza di tanto tempo, la questione torna all'ordine del giorno, con l'intenzione di accelerare l'iter, alla scopo di licenziare il nuovo testo entro Natale.

Molte le novità previste o almeno auspicate.

La lotta alla distrazione con provvedimenti ad hoc, tipo il ritiro della patente immediato (da 15 giorni fino a 2 mesi) se pescati a smanettare con lo smartphone alla guida, e il sequestro amministrativo dell'apparecchio per verificare se un incidente sia avvenuto a causa dell'utilizzo improprio del cellulare.

Ma anche l'obbligatorietà della «scatola nera» a bordo dei veicoli.

E poi c'è il capitolo relativo alla difesa degli utenti più deboli (pedoni, ciclisti e motociclisti) contenuto in uno specifico «pacchetto» del testo di riforma.

Il nuovo Codice della strada dovrà inoltre tenere conto dell'evoluzione tecnologica che il settore dell'automobile sta affrontando e, in parte, con risultati già tangibili.

Si tratta della guida autonoma e delle tecnologie capaci di garantire una maggiore sicurezza a bordo.

In attesa dell'auto che potrà fare a meno del pilota, vediamo, nei paragrafi successivi, cosa cambierà con la riforma del codice della strada.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca