Patente e rinnovo - le nuove disposizioni dopo la riforma

Rinnovo della patente - Cosa cambia?

Sta per scadermi la patente e mi sarebbe dovuto arrivare il nuovo tagliandino, che avrei applicato sulla vecchia patente: ho sentito però, che ci sono delle novità per quanto riguarda il rinnovo.

In sostanza, cosa cambia?

Mi servirebbe un chiarimento.

Rinnovo della patente - Una patente con formato nuovo di zecca e con scadenza alla data del proprio compleanno

E' vero, ci sono delle novità. In sostanza si tratta della stampa di una patente nuova di zecca e della scadenza alla data del proprio compleanno.

Saranno queste le nuove norme sull'oggetto del rinnovo della patente dopo la riforma del 2013.

Sarà soppresso infatti, il sistema dei tagliandini adesivi da applicare sulla vecchia patente ad ogni rinnovo.

Da quest'anno, la riforma ha previsto che alla scadenza della patente, se ne stamperà direttamente una nuova.

Il vecchio metodo, infatti, era stato criticato perché soggetto a deterioramento, ed era anche usuale che il tagliando si staccasse dalla patente.

Così, verranno stampate circa sette milioni di licenze di guida rinnovate, ogni anno.

La stampa avverrà nella Capitale, a livello centralizzato.

Questo è ciò che prevede la recente riforma, insieme alle patenti europee.

Manca praticamente solo l’approvazione da parte della Conferenza Stato-Regioni.

La riforma ha mutato anche la durata delle patenti.

La scadenza del documento di guida, infatti, non coinciderà più con la data del rilascio, ma con quella del compleanno successivo dell'automobilista.

Escluse da questo le patenti superiori (C per camion e D per autobus) e quelle con durata ridotta rispetto alle regole generali, come ad esempio quelle per disabili e malati cronici, per le quali la scadenza è, come sempre, decisa dalla Commissione medica locale caso per caso.

Non cambia nulla, invece, per quanto riguarda la procedura per chi deve ottenere il rinnovo della patente.

Infatti, sarà tenuto agli stessi adempimenti cui era obbligato prima della riforma:

  1. il certificato anamnestico del medico di base o di uno specialista che segue abitualmente l’interessato;
  2. e la visita medica alla Asl o da un altro dei sanitari abilitati, come quelli delle Ferrovie dello Stato o quelli militari, che operano perlopiù presso le agenzie di pratiche e le autoscuole.

26 gennaio 2013 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su patente e rinnovo - le nuove disposizioni dopo la riforma. Clicca qui.

Stai leggendo Patente e rinnovo - Le nuove disposizioni dopo la riforma Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 26 gennaio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria multe ricorsi e sinistri - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca