Contenzioso tributario

I documenti contabili non esibiti o non trasmessi a richiesta del fisco in sede di verifica non possono essere poi utilizzati in un eventuale contenzioso tributario

16 novembre 2016 - Giorgio Valli

Le notizie ed i dati non addotti e gli atti, i documenti, i libri ed i registri non esibiti o non trasmessi in risposta agli inviti dell'Ufficio non possono essere presi in considerazione a favore del contribuente, ai fini dell'accertamento in sede amministrativa e contenziosa: per rifiuto di esibizione si intendono anche la dichiarazione di non possedere i libri registri, documenti e scritture e [ ... leggi tutto » ]

Sovraindebitamento e legge 3/2012 - A chi può rivolgersi il debitore per farsi assistere nella procedura di composizione della crisi debitoria

23 agosto 2016 - Tullio Solinas

Come sappiamo, nelle procedure per la composizione delle crisi da sovraindebitamento disciplinate dalla legge 3/2012, e cioè per la presentazione di un'ipotesi di accordo con i creditori (da parte di un professionista non fallibile), di un piano di rientro dal debito del consumatore non professionista o di una proposta di liquidazione del patrimonio, il debitore deve essere assistito da un [ ... leggi tutto » ]

Illegittima la rettifica del valore di compravendita di un immobile fondata esclusivamente su una perizia redatta dall'Ufficio Tecnico Erariale

1 giugno 2016 - Giorgio Valli

Dinanzi al giudice tributario l'amministrazione finanziaria si pone sullo stesso piano del contribuente: pertanto la relazione di stima di un immobile, redatta dall'Ufficio tecnico erariale (UTE) o da altro organismo interno all'amministrazione stessa, e da quest’ultima prodotta in giudizio, costituisce una relazione tecnica di parte e non una perizia d'ufficio.  Ne consegue che ad essa deve [ ... leggi tutto » ]

Contenzioso tributario - La sospensione dell'atto impugnato può essere chiesta anche nei gradi di giudizio successivi al primo

18 maggio 2016 - Andrea Ricciardi

La proposizione del ricorso tributario non sospende gli effetti giuridici dell'atto impugnato.  Tuttavia, il ricorrente può chiedere alla Commissione tributaria competente, con un'apposita istanza, la sospensione dell'atto, se ritiene che dallo stesso gli possa derivare un danno grave e irreparabile.  La richiesta motivata può essere contenuta nel ricorso o essere presentata con atto [ ... leggi tutto » ]

Assistenza tecnica nel contenzioso tributario

16 maggio 2016 - Giorgio Martini

Per le controversie di valore superiore a 3 mila euro è indispensabile l'assistenza di un difensore abilitato: per valore della lite si intende l'importo del tributo al netto degli interessi e delle eventuali sanzioni irrogate con l'atto impugnato.  In caso di controversie relative esclusivamente alle irrogazioni di sanzioni, il valore è costituito dalla somma di queste.  Il decreto [ ... leggi tutto » ]

Il costo del contributo unificato nel contenzioso tributario

16 maggio 2016 - Giorgio Valli

Per la presentazione alle Commissioni tributarie di un ricorso principale e incidentale è dovuto il contributo unificato (che dal 7 luglio 2011 ha sostituito l'imposta di bollo).  L'importo del contributo da versare varia a seconda del valore della lite.  A tal fine, le parti hanno l'obbligo di dichiarare nelle conclusioni del ricorso il valore della controversia.  Per le liti il cui [ ... leggi tutto » ]

Nullo l'accertamento tributario che non reca la sottoscrizione del capo dell'ufficio o di altro impiegato della carriera direttiva da lui delegato

13 maggio 2016 - Giorgio Valli

E' espressamente richiesta dalla legge la delega a sottoscrivere e che il solo possesso della qualifica non abilita il direttore tributario alla sottoscrizione, dovendo il potere di organizzazione essere in concreto riferibile al capo dell'ufficio.  La giurisprudenza di legittimità ha sempre ribadito che l'avviso di accertamento tributario è nullo se non reca la sottoscrizione del capo [ ... leggi tutto » ]

Contenzioso tributario » Le principali novità introdotte dalla riforma

12 maggio 2016 - Paolo Rastelli

Com'è noto, rientrano nella giurisdizione delle Commissioni tributarie tutte le controversie relative a tributi di ogni genere e specie, comunque denominati, compresi quelli regionali, provinciali e comunali, le sovrimposte e le addizionali, le relative sanzioni nonché gli interessi e ogni altro accessorio.  Il contenzioso tributario abbraccia pure le controversie di natura catastale, come [ ... leggi tutto » ]

Impugnazione di atti di riscossione coattiva dei tributi locali - Per determinare la CTP territorialmente competente non è rilevante la sede del concessionario ma solo quella del creditore

5 marzo 2016 - Paolo Rastelli

La normativa vigente (articolo 4 del decreto legislativo 546/1992) prevede che le commissioni tributarie provinciali sono competenti per le controversie proposte nei confronti dei concessionari del servizio di riscossione che hanno sede nella loro circoscrizione anche nel caso in cui tale sede ricada in una circoscrizione diversa da quella in cui ricade la sede dell'ente locale [ ... leggi tutto » ]

Riforma del processo tributario - La conciliazione giudiziale

6 gennaio 2016 - Loredana Pavolini

Se in pendenza del giudizio le parti raggiungono un accordo conciliativo, presentano istanza congiunta sottoscritta personalmente o dai difensori per la definizione totale o parziale della controversia (conciliazione perfezionata fuori udienza).  Se la data di trattazione è [ ... leggi tutto » ]