Ordine di revoca del pagamento per assegno bancario o postale

1. La revoca del pagamento di un assegno - come funziona
2. La revoca del pagamento di un assegno - Prima e dopo la scadenza dei termini di presentazione
3. Assegno bancario e postale - Termini di presentazione all'incasso

La revoca del pagamento di un assegno - come funziona

Le legge stabilisce che l'ordine di non pagare l'importo facciale dell'assegno bancario, o postale, ha effetto solo dopo che sia spirato il termine di presentazione. La norma ha la doppia funzione di garantire la conservazione della provvista, a tutela dell'affidamento del beneficiario, quanto meno fino alla scadenza del termine di presentazione, e di consentire al traente, scaduto tale termine, di riacquistare la libertà di disporre della provvista, potendo l'assegno essere pagato anche successivamente alla scadenza di esso.

Il trattario (la banca o Poste Italiane), sulla base del dettato normativo è libero di pagare l'assegno prima della scadenza del termine di presentazione, risultando in via generale, esonerata da responsabilità sia nei confronti del beneficiario che del traente (colui che ha emesso l'assegno) una volta provveduto al pagamento.

Ricorre, invece, la responsabilità del trattario nei confronti del beneficiario, nell'ipotesi di rifiuto di pagamento prima della scadenza del termine di presentazione e nei confronti del traente nel disporre il pagamento anche dopo lo spirare del termine, in presenza di un ordine di revoca del pagamento da parte di quest'ultimo.

La revoca del pagamento di un assegno - Prima e dopo la scadenza dei termini di presentazione

In altre parole, se la banca (o l'ufficio postale) rifiuta il pagamento dell'assegno al beneficiario, pur in presenza di liquidità sul conto corrente e sulla base di un preciso ordine di non pagare l'assegno impartito dal traente anche prima che siano decorsi i termini di presentazione del titolo, l'eventuale protesto dell'assegno non può essere eccepito dal traente; mentre il beneficiario può eccepire la responsabilità del trattario, oltre che agire con azione esecutiva nei confronti del traente. Così operando, infatti, il trattario elude la funzione di garanzia dell'affidamento del beneficiario, ma non quella riguardante il traente, avendo provveduto ad eseguire esattamente un ordine dal medesimo disposto.

Se, invece, dopo la scadenza dei termini di presentazione dell'assegno ed in conseguenza di un preciso ordine di revoca del pagamento impartito dal traente, la banca (o l'ufficio postale) paga comunque l'assegno presentato all'incasso, il traente può eccepire la responsabilità del trattario per non avergli consentito la piena libertà di disporre della provvista giacente sul conto corrente.

Quello appena riportato è l'orientamento espresso dai giudici della Corte di cassazione che si evince dalla lettura della sentenza 23077/13.



Assegno bancario e postale - Termini di presentazione all'incasso

Ricordiamo, a beneficio dei lettori, che il termine di presentazione è:

Concludendo, in base alle norme vigenti, decorsi i termini di presentazione, il traente può dare l’ordine di non pagare l'assegno (revoca) e può disporre altrimenti dei fondi senza incorrere nella segnalazione nella CAI (Centrale Allarme Interbancaria per emissione di assegni a vuoto.

Ove dal traente non sia stato impartito un tale ordine, il trattario (la banca o l'ufficio postale) può pagare ugualmente l'assegno, anche dopo la scadenza del termine di presentazione e, in assenza di adeguata copertura, procedere alla segnalazione in CAI del traente.

In pratica, se sono stati emessi assegni non incassati nei termini di presentazione e si vuole chiudere il conto corrente o disporre altrimenti della liquidità disponibile, premesso che dopo la scadenza dei termini di presentazione non è più possibile la levata del protesto per insufficienza della provvista, al fine di evitare una eventuale iscrizione in CAI per emissione di assegni scoperti è necessario impartire alla banca disposizione per la revoca del pagamento degli assegni ancora in circolazione.

4 ottobre 2014 · Ornella De Bellis

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , ,

assegni scoperti e protestati - ricorso ad ingiunzione prefettizia ed esercizio azione regresso, assegno - clausole e situazioni particolari, guida all’assegno bancario e postale, sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di assegni cambiali conti correnti usura

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ordine di revoca del pagamento per assegno bancario o postale. Clicca qui.

Stai leggendo Ordine di revoca del pagamento per assegno bancario o postale Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 4 ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria assegni scoperti e protestati - ricorso ad ingiunzione prefettizia ed esercizio azione regresso Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca