Operazioni inesistenti e onere della prova

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Nel caso in cui l'Amministrazione finanziaria sostenga che determinate fatture siano state emesse per operazioni inesistenti, l'onere di provare detta circostanza grava sulla stessa amministrazione prima ancora che sorga sul contribuente l'onere contrario. L'amministrazione può assolvere al proprio onere mediante presunzioni ma solo se connotate dai requisiti di gravità, precisione e concordanza (C.Cass. sent. N. 12447 del 19/01-19/05/2010).

8 novembre 2010 · Diego Conte

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.