IL CODICE DI DEONTOLOGIA E BUONA CONDOTTA

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Dal 1 gennaio 2005 è entrato in vigore il codice di deontologia e buona condotta, nato per salvaguardare i diritti dei debitori segnalati che lamentavano lesioni alla propria dignità e alla propria reputazione. Il Codice, che le Centrali Rischi devono rispettare pena risarcimento dei danni causati, stabilisce che:

  • l'interessato debba essere avvertito prima di venire registrato per permettergli di far pervenire informazioni a lui favorevoli;
  • i dati memorizzati siano solo quelli strettamente pertinenti allo scopo, non possono essere dati sensibili o giudiziari e comunque sempre di tipo obiettivo (ad es. non si può piùutilizzare la denominazione “cattivo pagatore”);
  • non possano essere segnalati i dati su ritardati pagamenti di bollette o carte telefoniche.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.