Il cattivo pagatore

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Se ritardi nel pagamento delle rate potresti essere considerato un “cattivo pagatore”.

Banche e Finanziarie potrebbero sbarrarti le porte. Se chiedi un prestito e salti il pagamento di qualche rata è molto probabile che tu finisca nel cosiddetto elenco dei cattivi pagatori. In questo elenco sono segnalati i nominativi dei soggetti che hanno avuto problemi nella restituzione dei finanziamenti precedentemente ottenuti, per essere stati completamente o parzialmente insolventi o anche solo per aver ritardato il pagamento di qualche rata.
Ogni volta che chiedi un nuovo finanziamento, la società che dovrebbe erogarlo consulta questi elenchi e, se il tuo nome è stato segnalato, molto probabilmente rigetterà la tua richiesta. Il compito di raccogliere questi dati è affidato alle famose Centrali Rischi, che possono essere pubbliche o private.

Le prime, istituite per legge, sono:

  • la Centrale Rischi della Banca d'Italia, contenente informazioni su mutui, anticipazioni, aperture di credito etc. pari o superiori a 75.000 euro;
  • la Centrale Rischi della SIA (Società Interbancaria per l'Automazione), che detiene informazioni sui debiti fra i 31.246 e i 74.990 euro.

Le Centrali Rischi private, invece, nascono sulla base di accordi tra Banche e Società Finanziarie per raccogliere ed elaborare i dati relativi ad esposizioni anche di poche migliaia di Euro.

In esse sono contenute informazioni riguardanti anche richieste di carte di credito o acquisti di beni al consumo (il televisore, il pc o l'arredamento di casa). Fra le più note oggi operative in Italia vi sono la CRIF, la CTC, e l'Esperian.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.