Omissione contributiva - il datore di lavoro è tenuto anche al versamento della quota a carico del dipendente

Nel caso di omissione del versamento o dell'adempimento tardivo dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti dal datore di lavoro, quest'ultimo resta tenuto al pagamento dei contributi o delle parti di contributi non versate, tanto per la quota a proprio carico che per la quota a carico del lavoratore.

Il datore di lavoro è responsabile del pagamento dei contributi, e ciò al fine di evitare che, in conseguenza dell'inadempimento del datore di lavoro, venga riversato sul lavoratore il pagamento delle somme arretrate, il cui livello si accresce per il tempo dell'inadempimento, assumendo proporzioni apprezzabili e direttamente proporzionali al perdurare dell'inadempimento del soggetto obbligato.

Così hanno deciso i giudici della Corte di cassazione nella sentenza 18232/15.

19 settembre 2015 · Andrea Ricciardi

Approfondimenti e integrazioni

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Ti trovi nella sezione debiti origine conseguenze tutele ► origine dei debiti ► fisco tributi e contributi ► evasione ed elusione fiscale e contributiva - reati tributari ed abuso del diritto ► Omissione contributiva – il datore di lavoro è tenuto anche al versamento della quota a carico del dipendente

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su omissione contributiva - il datore di lavoro è tenuto anche al versamento della quota a carico del dipendente. Clicca qui.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altri contenuti suggeriti da Google

Struttura del sito ed altre info