I rischi a cui si va incontro in caso sinistro stradale e mancata revisione del veicolo

Come noto, la normativa vigente in materia stradale prevede, per tutti i mezzi in circolazione, controlli periodici per assicurarne nel tempo l'efficienza, la sicurezza e la riduzione delle emissioni nocive: parliamo della revisione.

Ma ogni quanto tempo va effettuata la revisione?

Cosa si rischia guidando senza averla in regola, soprattutto nella fattispecie di un sinistro stradale?

Vediamolo nel prosieguo dell'articolo.

Tutto sulla revisione delle autovetture

Le autovetture per il trasporto privato, inclusi autocaravan, autocarri fino a 3,5 tonnellate, moto e motocicli sono tenuti alla prima revisione dopo quattro anni dalla prima immatricolazione.

Successivamente, le revisioni devono avvenire a scadenza di due due anni, entro lo stesso mese della precedente.

Per tutti gli altri veicoli, invece, i controlli sono annuali.

Decaduto il termine, ovviamente, non è consentito circolare. La sanzione che si rischia è di di 159 euro, con ritiro della carta di circolazione se sulla viabilità ordinaria e il fermo amministrativo in autostrada.

Quindi, prima di prendere il problema della revisione sottomano, pensateci bene. Per effettuarla, inoltre, basta davvero poco: si può fare alla Motorizzazione o in uno dei migliaia di centri privati autorizzati dal ministero dei Trasporti.

I costi sono però differenti: alla Motorizzazione si pagano 45 euro, dai privati 64,80, di cui 10,80 per diritti governativi.

Da notare, però, che alla Motorizzazione i tempi sono più lunghi e bisogna presentarsi col bollettino postale prepagato.

Qualora l'esito fosse regolare, si ottiene un adesivo, da applicare alla carta di circolazione. In caso contrario si dovrà effettuare un altro test.

Qui, le alternative sono due:

  • il veicolo non è idoneo, ma non per anomalie non gravi e quindi può circolare al massimo un mese prima di una nuova revisione dallo stesso operatore, cui si dovrà portare la dichiarazione dell'officina che ha effettuato i lavori necessari.
  • il veicolo ha difetti più gravi, con possibilità di circolare solo nello stesso giorno della sospensione e in quello della nuova ispezione.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i rischi a cui si va incontro in caso sinistro stradale e mancata revisione del veicolo. Clicca qui.

Stai leggendo I rischi a cui si va incontro in caso sinistro stradale e mancata revisione del veicolo Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 2 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 29 maggio 2017 Classificato nella categoria multe per violazioni al Codice della strada - informazione e prevenzione Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info



Cerca