Obbligo del mantenimento verso i figli - l'articolo 148 del Codice civile

1. Mantenimento dei figli - cosa prevede l'articolo 148 del codice civile e chi può ricorrervi
2. Mantenimento dei figli - legittimazione a ricorrere del figlio maggiorenne e del coniuge non onerato che con questi convive
3. Mantenimento dei figli - contro chi va rivolta la domanda
4. Mantenimento dei figli - il procedimento speciale a cognizione sommaria

Mantenimento dei figli - cosa prevede l'articolo 148 del codice civile e chi può ricorrervi

L'articolo 148 del Codice civile prevede un procedimento speciale per ottenere in tempi rapidi la corresponsione del mantenimento per i figli.

Questo procedimento può essere azionato da "chiunque vi abbia interesse".

Potrebbero quindi ricorrere all'articolo 148 i seguenti soggetti:

Mantenimento dei figli - legittimazione a ricorrere del figlio maggiorenne e del coniuge non onerato che con questi convive

Più precisamente, nell'ipotesi in cui sussistano i presupposti per l'assegno di mantenimento, ma il genitore onerato non vi provveda, possono agire in giudizio il figlio maggiorenne o l’altro genitore. In particolare, se il figlio maggiorenne non convive più con il genitore affidatario, è lui l’unico creditore dell'assegno, e quindi l’unico legittimato ad agire per ottenerlo.

Se, invece, il figlio maggiorenne non ha abbandonato la casa familiare e convive con il genitore affidatario, entrambi (genitore affidatario e figlio maggiorenne) sono legittimati a chiedere il mantenimento (Corte di Cassazione - sentenza numero 2934/1999). Il genitore convivente, inoltre, conserva il diritto ad ottenere dal genitore obbligato anche l'assegno di mantenimento per il figlio maggiorenne, a titolo di rimborso di quanto già anticipato. La legittimazione del genitore che convive con il figlio maggiorenne è dunque diversa dalla legittimazione del figlio maggiorenne. La prima è fondata sulla continuità dei doveri gravanti su uno dei genitori nella persistenza della situazione di convivenza, l’altra invece trova fondamento, nella titolarità del diritto al mantenimento.

Comunque, il giudice può prevedere che il genitore onerato versi direttamente l'assegno di mantenimento al figlio maggiorenne e non all'ex coniuge che con il figlio maggiorenne convive, secondo le direttive tracciate dalla Corte di Cassazione.



Mantenimento dei figli - contro chi va rivolta la domanda

La domanda può essere rivolta contro tutti coloro che sono obbligati al mantenimento, e quindi:

Mantenimento dei figli - il procedimento speciale a cognizione sommaria

Si tratta di un procedimento speciale a cognizione sommaria.

Esso viene introdotto mediante ricorso rivolto al Presidente del Tribunale. Il Presidente del Tribunale, ricevuto il ricorso, fissa l'udienza per la comparizione delle parti con decreto.

Il ricorrente ha quindi l'onere di notificare il ricorso ed il decreto alla controparte.

Il Presidente, sentito l'inadempiente ed assunte informazioni, potrà ordinare con decreto che una quota dei redditi dell'obbligato, in proporzione agli stessi, sia versata direttamente all'altro coniuge o a chi sopporta le spese per il mantenimento, l'istruzione e l'educazione della prole.

Il decreto dovrà essere notificato agli interessati ed al terzo debitore.

Esso, una volta emesso, costituisce titolo provvisoriamente esecutivo ed è titolo idoneo all'iscrizione di ipoteca giudiziale sui beni dell'obbligato (Corte costituzionale, sentenza del 14 giugno 2002, numero 236).

Gli interessati ed il terzo debitore possono proporre opposizione nel termine di venti giorni dalla notifica.

L'opposizione è regolata dalle norme relative all'opposizione al decreto di ingiunzione, in quanto applicabili.

In mancanza di opposizione, il decreto diventa definitivo e potrà essere revocato o modificato solo in caso di mutamento delle circostanze, con le forme del processo ordinario.

25 novembre 2010 · Antonella Pedone

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , ,

famiglia - affidamento e mantenimento dei figli, sentenze della Corte Costituzionale

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su obbligo del mantenimento verso i figli - l'articolo 148 del codice civile. Clicca qui.

Stai leggendo Obbligo del mantenimento verso i figli - l'articolo 148 del Codice civile Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 25 novembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria famiglia - affidamento e mantenimento dei figli Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca