Che cos'è un'obbligazione

Vi spieghiamo, in termini piuttosto semplici ed in ambito generale, che cos'è un'obbligazione, bancaria e non

L'obbligazione, che è definita in termine tecnico Bond, è un titolo che, proprio come le azioni, viene regolarmente emesso da società, enti nazionali o sovranazionali o dallo Stato stesso.

Acquistando una obbligazione il cliente, praticamente, presta dei soldi alla società o all'ente in somma pari al valore specificato nel titolo stesso.

Di conseguenza l'acquisto attribuisce all'acquirente il diritto di essere rimborsato della somma che ha ceduto in prestito, più il diritto a ricevere degli interessi che sono maturati proprio sulla somma prestata.

A titolo esemplificativo, può darsi ad esempio che gli allevatori, invece di chiedere i prestiti direttamente ai ricchi del villaggio, vendano delle “obbligazioni” al pubblico (il c.d. “mercato primario“), cioè dei pezzi di carta su cui c'è scritto che all'allevatore X sono stati prestati dei soldi e che questi è tenuto a pagare al possessore dell'obbligazione, degli interessi ed alla scadenza (se tutto va bene) restituirà il capitale ricevuto.

Il vantaggio dell'obbligazione rispetto al prestito bilaterale (cioè tra due parti) è che è più trasparente: è offerto al pubblico, per cui i risparmiatori accorti andranno a scegliere le obbligazioni emesse dall'allevatore che a parità di rischio paga il tasso di interesse più elevato, o che, a parità di interesse, presenta il rischio minore.

L'altro vantaggio delle obbligazioni è che sono frazionabili in piccoli tagli, per cui possono essere vendute ad un grande numero di risparmiatori anche per ammontari modesti. Può sembrare una questione secondaria, ma se l'allevatore fallisce, invece di avere una sola persona che perde un sacco di soldi, abbiamo una pletora di persone che perdono pochi soldi.

Infine, ma non per questo di minore importanza, le obbligazioni possono essere cedute facilmente e questo permette di avviare il cosiddetto “mercato secondario” sul quale, chiunque abbia bisogno di vendere le obbligazioni prima della scadenza, si può rivolgere per cercare un compratore della sua obbligazione di “seconda mano”.

Chi si rivolge al mercato obbligazionario? Come accennato prima, la nascita delle obbligazioni comporta la nascita di due mercati sui quali tali strumenti vengono trattati e cioè il mercato primario ed secondario.

Il mercato primario è quello sul quale vengono vendute per la prima volta obbligazioni di nuova emissione. Il mercato secondario è quello sul quale vengono scambiate obbligazioni già in circolazione.

I principali attori sul mercato primario sono:

  • gli enti governativi internazionali, nazionali e regionali che offrono le loro obbligazioni agli investitori; essi emettono le cosiddette obbligazioni sovranazionali o governative
  • le grandi imprese che possono trovare più conveniente indebitarsi tramite obbligazioni che non tramite prestiti bancari, esse emettono le c.d. obbligazioni societarie, o “Corporate”
  • le banche che cercano capitali al minor costo possibile per poter soddisfare la richiesta di credito ed emettono obbligazioni “corporate” bancarie, o obbligazioni bancarie.

A parità di altre condizioni, le obbligazioni sul mercato primario trattano a prezzi più alti rispetto al mercato secondario. Questo perché il mercato primario offre quantità disponibili più elevate. Quindi, ad esempio, un fondo pensione con la necessità di acquistare una partita corposa di obbligazioni potrebbe preferire rivolgersi al mercato primario e comprarle tutte in un colpo solo invece di metterci giorni a rastrellare sul mercato secondario le quantità di cui ha bisogno.

Il discorso cambia per il piccolo investitore al dettaglio, il quale, prima di aderire ad un collocamento obbligazionario sul mercato primario, dovrebbe sempre chiedersi se sul secondario non c'è già disponibile una obbligazione analoga o migliore ad un prezzo inferiore. Spesso è così.

In un mercato normale, le obbligazioni di emittenti e durata similare dovrebbero avere lo stesso rendimento.

Tuttavia non sempre è così, anche a causa della segmentazione di mercato (il fatto che i diversi comparti del mercato non sono necessariamente comunicanti) e delle asimmetrie informative (cioè non tutti gli attori del mercato dispongono della stessa quantità di informazione – pensate ai piccoli risparmiatori privati rispetto alle banche!).

Eclatante da questo punto di vista è il caso delle obbligazioni bancarie.

Le banche emettono essenzialmente due tipi di obbligazioni, quelle rivolte agli investitori istituzionali internazionali chiamate emissioni EMTN o Eurobonds, e le obbligazioni per la clientela al dettaglio, tipicamente denominate “emissioni domestiche”.

Gli Eurobonds, che sono rivolti ad una clientela esperta ed esigente, tipicamente professionale, rendono di più. Mentre le obbligazioni per la clientela al dettaglio rendono meno, a parità di altre condizioni, spesso molto meno.

Anche perché sul rendimento incidono pesantemente le commissioni di collocamento che normalmente paga il sottoscrittore e incamera il collocatore. Le commissioni di collocamento sono un ammontare percentuale che le banche trattengono per svolgere il “servizio” di collocamento delle obbligazioni al pubblico.

Di solito in un collocamento obbligazionario rivolto al pubblico prevede i seguenti soggetti:

  • l'emittente: è l'ente che emette l'obbligazione e che raccoglie i fondi derivanti dal collocamento obbligazionario – di solito è una banca , un”assicurazione, un organismo o ente sovranazionale (tipo BEI, BIRS ecc), oppure una grande azienda;
  • il collocatore: è l'ente che si occupa di piazzare le obbligazioni presso la propria clientela (normalmente è una banca, una rete di promotori, una SIM), percependo, a fronte dell'attività di vendita, la commissione di collocamento, che viene pagata da chi compra l”obbligazione;
  • i sottoscrittori: sono coloro che attuando la loro scelta d'investimento comprano l'obbligazione, aderendo all'offerta del collocatore.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • bonkard66 20 gennaio 2016 at 20:18

    Salve,sono stata nominata unica erede da una amica senza alcun parente con testamento notarile di un conto corrente più alcune azioni,dove la sottoscritta già operava con firma depositata.Avvisata la banca del decesso della titolare del conto,questo viene bloccato .Per sbloccare mi viene chiesto dalla banca: Copia testamento depositato dal notaio,certificato di morte,sostituzione atto notorio (pagato al notaio 200 euro circa).Dopo una settimana dalla consegna dei documenti mi telefonano dalla banca chiedendomi l'atto notorio.Faccio presente che il certificato sostitutivo mi e stato chiesto dalla banca,mentre il nuovo certificato mi costa 600 euro.E i 200 euro già spesi ? Il conto e bloccato,pero si pagano le spese bancarie,le bollette e gli investimenti hanno perso il 15% in tre mesi .Ho chiesto di bloccare realmente il tutto in attesa di chiarimenti,risposta:Non si puo. Aiuto

    • Ornella De Bellis 21 gennaio 2016 at 06:13

      Mi spiace, ma non saprei proprio come aiutarla.