Il nuovo regime fiscale forfetario per i contribuenti minimi

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina.

Il nuovo regime forfetario per i contribuenti minimi in vigore dal primo gennaio 2015

Dal primo gennaio 2015 coloro che intendono avviare una nuova piccola impresa o attività professionale possono accedere al nuovo regime forfetario semplificato per i contribuenti minimi, introdotto dalla Legge di stabilità 2015. In questo modo, viene meno l'esigenza di rivolgersi a commercialisti e fiscalisti per la tenuta delle scritture [ ... leggi tutto » ]

Nuovo regime forfetario per i contribuenti minimi - il reddito imponibile ridotto di 1/3 per le nuove partite IVA

Ma c'è di più: al fine di favorire l'avvio di nuove attività, per l’anno in cui la stessa è iniziata e per i due successivi, il reddito determinato forfetariamente è ridotto di un terzo. Questo ulteriore vantaggio può essere conseguito a condizione che: il contribuente non abbia esercitato, nei [ ... leggi tutto » ]

Le semplificazioni contabili per chi aderisce al nuovo regime forfetario dei contribuenti minimi

Fermo restando l'obbligo di conservare i documenti ricevuti ed emessi, i contribuenti che applicano il regime forfetario: [ ... leggi tutto » ]

I vecchi regimi fiscali vanno in soffitta - Il nuovo regime forfetario per i contribuenti minimi sostituisce tutti quelli precedentemente vigenti

Il nuovo regime forfetario per i contribuenti minimi sostituisce tutti i regimi agevolati vigenti al 31 dicembre 2014, che sono stati abrogati: nuove iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo, regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità e regime contabile agevolato. I contribuenti che nel 2014 [ ... leggi tutto » ]

Condizioni che devono essere soddisfatte per poter accedere al regime forfetario

Per accedere (e permanere) al regime forfetario occorre soddisfare quattro condizioni: bisogna aver conseguito, nell'anno precedente, ricavi ovvero percepito compensi, ragguagliati ad anno, non superiori a determinati limiti, differenziati a seconda del codice ATECO che contraddistingue l'attività esercitata. In pratica le soglie previste dalla legge variano da un minimo [ ... leggi tutto » ]

I requisiti per avvalersi del nuovo regime forfetario - Limite dei compensi e dei ricavi per ciascuna tipologia di attività

industrie alimentari e delle bevande - il limite per ricavi e compensi è di 35 mila euro; commercio all'ingrosso e al dettaglio - il limite per ricavi e compensi è di 40 mila euro; commercio ambulante e di prodotti alimentari e bevande - il limite per ricavi e compensi [ ... leggi tutto » ]

Coefficienti di redditività

industrie alimentari e delle bevande - il coefficiente di redditività è pari al 40%; commercio all'ingrosso e al dettaglio - il coefficiente di redditività è pari al 40%; commercio ambulante e di prodotti alimentari e bevande - il coefficiente di redditività è pari al 40% ; commercio ambulante di [ ... leggi tutto » ]