Agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie

Agevolazioni fiscali per ristrutturazioni - le novità introdotte dalla recente normativa

Dal 1° gennaio 2012, la detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie non ha più scadenza. L'agevolazione, introdotta fin dal 1998 e prorogata più volte, è stata resa permanente dal decreto legge numero 201/2011 (articolo 4) che ha previsto il suo inserimento tra gli oneri detraibili ai fini Irpef. Negli ultimi [ ... leggi tutto » ]

La detrazione IRPEF per le spese di ristrutturazione

La detrazione d'imposta che verrà calcolata da chi presta l'assistenza fiscale è pari al: 50 per cento per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2015; 41 per cento per le spese sostenute nel 2006 relative a fatture emesse dal 1° gennaio al 30 settembre 2006; [ ... leggi tutto » ]

Bonus mobili

Ai contribuenti che fruiscono della detrazione del 50 per cento prevista per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, è riconosciuta una detrazione del 50 per cento in relazione alle spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2015 per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di [ ... leggi tutto » ]

Chi può fruire della detrazione

Possono fruire della detrazione sulle spese di ristrutturazione e del bonus mobili tutti i contribuenti assoggettati all'imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), residenti o meno nel territorio dello Stato. L'agevolazione spetta non solo ai proprietari degli immobili ma anche ai titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili [ ... leggi tutto » ]

Per quali tipologie di lavori spettano le agevolazioni

I lavori sulle unità immobiliari residenziali e sugli edifici residenziali per i quali spetta l’agevolazione fiscale sono: quelli elencati alle lettere b), c) e d) dell'articolo 3 del Dpr 380/2001 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia).In particolare, la detrazione riguarda le spese sostenute per interventi [ ... leggi tutto » ]

Altre spese ammesse all'agevolazione

Oltre alle spese necessarie per l'esecuzione dei lavori, ai fini della detrazione è possibile considerare anche: le spese per la progettazione e le altre prestazioni professionali connesse; le spese per prestazioni professionali comunque richieste dal tipo di intervento; le spese per la messa in regola degli edifici ai sensi [ ... leggi tutto » ]

La manutenzione ordinaria

Gli interventi di manutenzione ordinaria sono ammessi all'agevolazione solo quando riguardano le parti comuni. La detrazione spetterà ad ogni condomino in base alla quota millesimale. Le parti comuni interessate sono quelle indicate dall'articolo 1117, numeri 1, 2 e 3 del Codice civile: il suolo su cui sorge l'edificio, le [ ... leggi tutto » ]

La manutenzione straordinaria

Sono considerati interventi di manutenzione straordinaria le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici e per realizzare ed integrare i servizi igienico/sanitari e tecnologici, sempre che non vadano a modificare i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino [ ... leggi tutto » ]

Restauro e risanamento conservativo

Sono compresi in questa tipologia gli interventi finalizzati a conservare l'immobile e assicurarne la funzionalità per mezzo di un insieme di opere che, rispettandone gli elementi tipologici, formali e strutturali, ne consentono destinazioni d'uso con esso compatibili. Esempi di interventi di restauro e risanamento conservativo: interventi mirati all'eliminazione e [ ... leggi tutto » ]

Ristrutturazione edilizia

Tra gli interventi di ristrutturazione edilizia sono compresi quelli rivolti a trasformare un fabbricato mediante un insieme di opere che possono portare ad un fabbricato del tutto o in parte diverso dal precedente. Esempi di ristrutturazione edilizia: demolizione e fedele ricostruzione dell'immobile; modifica della facciata; realizzazione di una mansarda [ ... leggi tutto » ]

Acquisto box - quando spetta l'agevolazione

Oltre che per gli interventi relativi alla realizzazione di autorimesse e posti auto, possono usufruire della detrazione d'imposta anche gli acquirenti di box o posti auto pertinenziali già realizzati. La detrazione per l'acquisto del box spetta limitatamente alle spese sostenute per la sua realizzazione e sempre che le stesse [ ... leggi tutto » ]

Agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie - Casi particolari

Nel caso in cui l'atto definitivo di acquisto sia stipulato successivamente al versamento di eventuali acconti, l'Agenzia delle Entrate ha precisato che, in relazione ai pagamenti effettuati con bonifico bancario o postale, la detrazione d'imposta spetta solo se è stato regolarmente registrato un compromesso di vendita dal quale risulti [ ... leggi tutto » ]

Cosa deve fare chi ristruttura per fruire della detrazione

Gli adempimenti previsti per richiedere la detrazione sulle spese di ristrutturazione sono stati recentemente semplificati e ridotti. In particolare, dal 14 maggio 2011 è stato soppresso l'obbligo dell'invio della comunicazione di inizio lavori all'Agenzia delle Entrate e quello di indicare il costo della manodopera, in maniera distinta, nella fattura [ ... leggi tutto » ]

Comunicazione all'Azienda sanitaria locale

Deve essere inviata all'Azienda sanitaria locale competente per territorio una comunicazione (con raccomandata a/r o altre modalità stabilite dalla Regione) con le seguenti informazioni: generalità del committente dei lavori e ubicazione degli stessi; natura dell'intervento da realizzare; dati identificativi dell'impresa esecutrice dei lavori con esplicita assunzione di responsabilità, da [ ... leggi tutto » ]

Pagamento mediante bonifico

Per fruire della detrazione è necessario che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario o postale da cui risultino: causale del versamento; codice fiscale del soggetto che paga; codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento. Le spese che non è possibile pagare con bonifico (per [ ... leggi tutto » ]

Altri adempimenti

I contribuenti interessati devono conservare, oltre alla ricevuta del bonifico, le fatture o le ricevute fiscali relative alle spese effettuate per la realizzazione dei lavori di ristrutturazione. Questi documenti, che devono essere intestati alle persone che fruiscono della detrazione, potrebbero essere richiesti, infatti, dagli uffici finanziari che controllano le [ ... leggi tutto » ]

Come si può perdere la detrazione

La detrazione non è riconosciuta, e l'importo eventualmente fruito viene recuperato dagli uffici, quando: non è stata effettuata la comunicazione preventiva all'Asl competente, se obbligatoria; il pagamento non è stato eseguito tramite bonifico bancario o postale; non sono esibite le fatture o le ricevute che dimostrano le spese effettuate; [ ... leggi tutto » ]

Se cambia il possesso

Se l'immobile sul quale è stato eseguito l'intervento di recupero edilizio è venduto prima che sia trascorso l'intero periodo per fruire dell'agevolazione, il diritto alla detrazione delle quote non utilizzate è trasferito, salvo diverso accordo delle parti, all'acquirente dell'unità immobiliare (se persona fisica). In sostanza, in caso di vendita [ ... leggi tutto » ]

Cumulabilità con la detrazione IRPEF per il risparmio energetico

La detrazione per gli interventi di recupero edilizio non è cumulabile con l'agevolazione fiscale prevista per i medesimi interventi dalle disposizioni finalizzate al risparmio energetico. Pertanto, nel caso in cui gli interventi realizzati rientrino sia nelle agevolazioni previste per il risparmio energetico che in quelle previste per le ristrutturazioni [ ... leggi tutto » ]

La detrazione IRPEF del 19% degli interessi passivi sui mutui per ristrutturazioni edilizie

I contribuenti che intraprendono la ristrutturazione e/o la costruzione della loro casa di abitazione principale, possono detrarre dall'Irpef, nella misura del 19%, gli interessi passivi e i relativi oneri accessori pagati sui mutui ipotecari, per costruzione e ristrutturazione dell'unità immobiliare, stipulati con soggetti residenti nel territorio dello Stato o [ ... leggi tutto » ]

Le condizioni per la detrazione degli interessi del mutuo per la ristrutturazione di un immobile

Per fruire della detrazione in questione è necessario che siano rispettate le seguenti condizioni: il mutuo deve essere stipulato nei sei mesi antecedenti la data di inizio dei lavori di costruzione o ristrutturazione o nei diciotto mesi successivi; l'immobile deve essere adibito ad abitazione principale entro sei mesi dal [ ... leggi tutto » ]

Agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie - Interventi ammessi sulle singole unità abitative

Di seguito una tabella con elencazione delle tipologie di intervento di ristrutturazione edilizia, nonché delle relative modalità di esecuzione, ammesse sulle singole unità abitative per poter fruire delle agevolazioni fiscali. tipologia di intervento modalità di esecuzione Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Spostamento di alcuni locali da [ ... leggi tutto » ]

Agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie - Interventi ammessi sulle parti condominiali

Di seguito una tabella con elencazione delle tipologie di intervento di ristrutturazione edilizia, nonché delle relative modalità di esecuzione, ammesse sulle parti condominiali per poter fruire delle agevolazioni fiscali. tipologia di intervento modalità di esecuzione Aerosabbiatura Su facciata Allargamento porte interne Con demolizioni di modesta entità Allarme (impianto) Riparazione [ ... leggi tutto » ]