Notifica della cartella esattoriale e firma inintelligibile

Notifica della cartella esattoriale - la firma incomprensibile del destinatario non è causa di nullità

Il DPR numero 602 del 1973, articolo 26 a proposito della notifica della cartella esattoriale, prevede che essa possa realizzarsi con varie modalità, e così tra l'altro anche senza ricorrere alla collaborazione di terzi (messi comunali eagenti della polizia municipale), ma direttamente ad opera del Concessionario "mediante invio di raccomandata con avviso di ricevimento".

Legittimità della notifica della cartella esattoriale a mezzo posta

Trattasi in quest'ultimo caso della ordinaria raccomandata postale, disciplinata dal decreto ministeriale9 aprile 2001, che all'articolo 32 dispone che: "Tutti gli invii di posta raccomandata sono consegnati al destinatario o ad altra persona individuata come di seguito specificato, dietro firma per ricevuta ...", mentre al successivo articolo 39 prevede che: "Sono abilitati a ricevere gli invii di posta presso il domicilio del destinatario, anche i componenti del nucleo familiare, i conviventi e i collaboratori familiari e, se vi è servizio di portierato, il portiere".

Modalità di notifica della cartella esattoriale a mezzo posta

Le norme sul servizio postale prevedono che la raccomandata ordinaria si abbia a considerare come ricevuta, con ciò determinando il perfezionamento del procedimento notificatorio laddove la spedizione postale avvenga a fini di notifica, all'atto della consegna al domicilio del destinatario, senza che a tal fine sia prescritta nessuna particolare formalità da parte dell'Ufficiale postale se non quella di curare che, la persona che egli abbia individuato come legittimata a ricevere l'atto a norma dell'articolo 39 citato, apponga la propria firma sul registro di consegna della corrispondenza nonchè sull'avviso di ricevimento da restituire al mittente.

Nessuna norma dispone in particolare che l'avviso di ricevimento debba contenere le generalità della persona alla quale l'atto sia stato consegnato, e neanche la relazione esistente tra la predetta persona e il destinatario della raccomandata  costituisce oggetto di un preliminare accertamento di competenza dell'ufficiale postale.

Differenza fra la notifica di una cartella esattoriale e di un atto giudiziario

L'adozione della modalità della notifica della cartella esattoriale direttamente a mezzo posta (decreto legislativo numero 546 del 1992, ex articolo 53, comma 2) comporta un avviso di ricevimento diverso da quello previsto per la notifica degli atti giudiziari, contenente unicamente: "... l'indicazione della data e dell'Ufficio di spedizione, l'indirizzo del destinatario, la data di ricevimento e la firma del soggetto ricevente, senza l'indicazione della sua qualità e la sottoscrizione dell'incaricato alla distribuzione" (v. Cass. 29.1.2008, numero 1906).

Mentre la notifica degli atti giudiziari, effettuata ai sensi dell'articolo 149 codice di procedura civile, è soggetta alla più rigorosa disciplina contenuta nella legge 20 novembre 1982, numero 890.

La firma non intelligibile sulla relata di notifica della cartella esattoriale

Partiamo dal presupposto che non venga messa in discussione l'attività del postino e quanto da lui affermato. Ed analizziamo il caso in cui egli abbia, invece, omesso di trascrivere il nome del ricevente la raccomandata, non dando modo, quindi, di risalire a chi avrebbe preso materialmente la cartella esattoriale.

In questa accezione, si è già avuto modo di chiarire come e perchè l'indicazione del nome del ricevente la raccomandata non è prevista, restando l'attività complessivamente svolta dell'Ufficiale postale (sia quella espressamente consacrata nell'avviso di ricevimento che quella presupposta, come l'accertamento della qualità del consegnatario dell'atto in relazione alla previsione del decreto ministeriale9 aprile 2001, articolo 39) assistita dalla speciale efficacia probatoria prevista dall'articolo 2700 del codice civile attesa la natura di "atto pubblico" spettante all'avviso di ricevimento della raccomandata, con la conseguente imprescindibile necessità che la prova del contrario sia fornita mediante querela di falso.

Non vi è dubbio che in caso di notifica consentita dalla legge a mezzo posta raccomandata con avviso di ricevimento la procedura è meno garantita per il destinatario di quanto accada ordinariamente per gli atti giudiziari; d'altra parte però, la cosa non può destare particolari perplessità se solo si considera che tutto il sistema delle notifiche nel nostro ordinamento appare ispirato, per ben comprensibili ragioni, al principio della mera "conoscibilità" dell'atto, e non a quello della "effettiva conoscenza" del suo contenuto, così che sempre l'efficacia della notifica deriva non dalla prova della conoscenza bensì della semplice consegna della copia dell'atto in una delle forme previste dalla legge.

In tema di notifica a mezzo del servizio postale, l'avviso di ricevimento, il quale è parte integrante della relata di notifica, costituisce, ai sensi della legge 20 novembre 1982, numero 890, articolo 4, comma 3, il solo documento idoneo a provare sia l'intervenuta consegna del plico con la relativa data, sia l'identità della persona alla quale la consegna stessa è stata eseguita, e che ha sottoscritto l'avviso.Tale documento, infatti, riveste natura di atto pubblico, e, riguardando un'attività legittimamente delegata dall'ufficiale giudiziario all'agente postale ai sensi della legge numero 890 cit., articolo 1 gode della medesima forza certificatoria di cui è dotata la relazione di una notifica eseguita direttamente dall'ufficiale giudiziario, ovverosia della fede privilegiata, attribuita dall'articolo 2700 del codice civile, in ordine alle dichiarazioni delle parti e agli altri fatti che l'agente postale, mediante la sottoscrizione apposta sull'avviso di ricevimento, attesta avvenuti in sua presenza.

Solo con la querela di falso si può eventualmente contestare la relata di notifica della cartella esattoriale

Pertanto, il destinatario che intenda contestare l'avvenuta esecuzione della notifica, affermando di non aver mai ricevuto l'atto ed in particolare di non aver mai apposto la propria firma sull'avviso, ha l'onere di impugnarlo a mezzo della querela di falso, anche se l'immutazione del vero non sia ascrivibile a dolo, ma soltanto ad imperizia, leggerezza, o negligenza dell'agente postale" (v. Cass. 22.11.2006, numero 24852; cfr. Cass. 23.7.2003 numero 11452; 1.3.2003, numero 3065).

31 gennaio 2012 · Rosaria Proietti

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su notifica della cartella esattoriale e firma inintelligibile. Clicca qui.

Stai leggendo Notifica della cartella esattoriale e firma inintelligibile Autore Rosaria Proietti Articolo pubblicato il giorno 31 gennaio 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria notifica della cartella esattoriale e degli atti impositivi in generale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca