La notifica della cartella esattoriale è legittima anche in presenza di firma illeggibile del destinatario

Con la sentenza numero 15746/12 della Corte di Cassazione, si legittima la notifica della cartella di pagamento anche se la firma è illeggibile e se la persona che riceve materialmente l'atto non sia il destinatario dell'atto, è importante che il recapito sia fatto al domicilio corretto. Infatti, in base a quanto previsto dall'articolo 26 del DPR numero 602/1973, affinché la procedura si consideri perfezionata è sufficiente che la consegna del plico avvenga presso il domicilio del destinatario senza alcun altro adempimento a carico dell'ufficiale postale se non quello di curare che la persona da lui individuata come legittima alla ricezione apponga la firma sul registro di consegna .

15 giugno 2011 · Simone di Saintjust

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la notifica della cartella esattoriale è legittima anche in presenza di firma illeggibile del destinatario.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • avv. Antonella Pedone 30 luglio 2011 at 12:47

    Notifica delle cartelle: firma illegibile

    In caso di firma illegibile, si considera valida la notifica della cartella esattoriale

    La Corte di Cassazione ha escluso l'invalidità della notifica della cartella esattoriale effettuata mediante invio di raccomandata con avviso di ricevimento, nel caso di omessa indicazione sull'avviso stesso delle generalità del soggetto al quale l'atto era stato consegnato, presso l'abitazione della destinataria, anche se il suddetto non risulti identificabile attraverso la sua firma perchè inintellegibile (Cassazione, sentenza del 27 maggio 2011, n. 11708).

1 2 3