Notifica delle cartelle esattoriali ed onere probatorio

Notifica delle cartelle esattoriali – ad Equitalia l’onere probatorio sulla correttezza della notifica

Se il contribuente contesta la mancata notifica delle cartelle esattoriali, il concessionario della riscossione deve produrre in giudizio non solo le relate di notifica ma anche copia delle cartelle medesime. In giudizio Equitalia deve produrre copia della cartella esattoriale oltre alle relate di notifica Ciò è quanto emerso da [ ... leggi tutto » ]

Equitalia deve conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relata di notifica

Tale obbligo, d'altronde, deriva dall'articolo 26, comma 4, del DPR numero 602/73, il quale prevede che "il concessionario deve conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notifica o l'avviso di ricevimento ed ha obbligo di farne esibizione su richiesta del contribuente [ ... leggi tutto » ]

Equitalia deve assolvere l'onere probatorio sulla ritualità e tempestività della notifica

Proprio in aderenza a questi principi, la Corte di Cassazione ha chiarito che ai sensi degli articoli 2697 cc e 26 del DPR numero 602/73, debba essere l'agente della riscossione ad assolvere l'onere probatorio circa il contenuto delle cartelle di pagamento indirizzate al contribuente nonché la ritualità e tempestività [ ... leggi tutto » ]

Notifica e contenuto delle cartelle esattoriali

Alla luce di quanto detto, dunque, è importante evidenziare ancora una volta che Equitalia è chiamata ad assolvere un doppio onere probatorio, ossia: provare la NOTIFICA delle cartelle, attraverso la produzione in giudizio delle relate di notifica; provare il CONTENUTO delle cartelle, attraverso la produzione in giudizio di copia [ ... leggi tutto » ]