Momento in cui deve considerarsi perfezionata la notifica postale del'atto

La Corte Costituzionale, con sentenza del 26 novembre 2002, numero 477 ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del combinato disposto dell'articolo 149 del codice di procedura civile e dell'articolo 4, comma terzo, della legge 890/82, nella parte in cui prevede che la notifica si perfeziona, per il notificante, alla data di ricezione dell'atto da parte del destinatario anziché a quella, antecedente, di consegna dell'atto all'ufficiale giudiziario.

Dai principi espressi nella sentenza consegue che il momento di perfezionamento della notifica effettuata a mezzo del servizio postale, viene individuato:

  • per il notificante, nella data di consegna dell'atto alle poste;
  • per il destinatario, nella data di ricevimento dell'atto attestata dall'avviso di ricevimento, oppure dopo i dieci giorni di giacenza previsti in caso di temporanea irreperibilità del destinatario.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su momento in cui deve considerarsi perfezionata la notifica postale del'atto. Clicca qui.

Stai leggendo Momento in cui deve considerarsi perfezionata la notifica postale del'atto Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 17 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2017 Classificato nella categoria notifica della cartella esattoriale e degli atti impositivi in generale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google