Non bisogna scherzare con gli assegni, soprattutto quando vengono “estorti” durante una trattativa di recupero

Mio marito è un lavoratore autonomo, ha un debito con una finanziaria di €60000, ha pagato 16 rate da € 1035 e da gennaio non paga più le rate.

La finanziaria ha voluto un assegno con l'importo di tre mesi con data 30 Aprile.

Mio marito dopo quattro mesi di disoccupazione, ha ripreso il lavoro a febbraio, la prima fattura gli verrà pagata a 80 giorni molto probabilmente non avra i soldi per coprire l'importo dell'assegno.

A che cosa andra incontro?

Equitalia ha gia pignorato un diciottesimo di una proprietà sua e dei due fratelli.

La ringrazio e la saluto

Non bisogna scherzare con gli assegni, soprattutto quando vengono estorti durante una trattativa di recupero.

Oltretutto gli assegni, anche postdatati, possono essere incassati prima della data scrittavi… (anche se non è questo il caso).

A questo punto ormai il danno è fatto, l'unica cosa è parlare a chiare lettere con il prenditore dell'assegno, di modo che ve lo faccia sostituire con titoli più consoni alle scadenze che voi potrete rispettare.

L'accoglimento di questa richiesta non è purtroppo affatto automatico nè scontato…
Viceversa rischiate di andare verso il protesto dell'assegno, con tutte le conseguenze del caso.

Per fare una domanda sul come difendersi dalle società di recupero crediti e dagli agenti esattoriali, sui debiti in generale e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

21 marzo 2010 · Tullio Solinas

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su non bisogna scherzare con gli assegni, soprattutto quando vengono “estorti” durante una trattativa di recupero.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.